Laura Boldrini al Museo del cioccolato di Modica

La presidente della Camrea, Laura Boldrini, ieri pomeriggio accompagnata dal sindaco di Modica Ignazio Abbate, è stata accolta al Palacultura dal Direttore del Consorzio Nino Scivoletto e dalla Direttrice Culturale Grazia Dormiente. La visita guidata dalla Dormiente ha fatto percorrere alla importante ospite, 270 anni di storia del cioccolato di Modica, attraverso le fonti archivistiche esposte nel salone Italia del Museo.
La Boldrini ha espresso alla Dormiente un sincero apprezzamento per l’alto valore culturale della ricerca che ha dato certezza anagrafica al cioccolato di Modica e al tempo stesso ha consentito alle carte d’archivio una pubblica fruizione.
L’Italia in miniatura e le sculture di cioccolato hanno molto interessato la Presidenta tanto da indurla a scattare personalmente delle foto con il suo cellulare.
Sorpresa gradita per la Boldrini la presenza fra gli incarti da collezione, esposti nella galleria, delle due barrette dedicate sia alla sua presenza a Pozzallo in occasione di Sabir, che alla visita ufficiale al Museo del Cioccolato.
La visita è continuata nel santuario del Cioccolato di Modica.
Nel “Dammusu ro ciucculattaru” ad attendere la Presidenta, il Maestro Ignazio Iacono che ha preparato il cioccolato di Modica secondo la tecnica settecentesca. Dallo scioglimento della pasta amara, alla lavorazione sulla “valata”, alla formatura, alla battitura, fino alla nascita della barretta di cioccolato.
In un contesto carico di odori e di suoni la visita si è conclusa con la degustazione del cioccolato appena prodotto e la sottoscrizione del registro delle visite.
Il Sindaco Abbate e la Professoressa Dormiente hanno donato alla illustre ospite una copia del libro edito da Gribaudo/Feltrinelli, Modica: la storia del suo cioccolato.