A Ragusa esperti di fama mondiale dal Pakistan

Ci sarà un collegamento telematico con due ricercatori pakistani di chiara fama, garantito da Mandarin, in occasione del workshop sulla certificazione Halal, il primo evento del genere, rivolto alla aziende dei settori agroalimentare, cosmetico, sanitario, farmaceutico e della logistica, in programma domani e sabato nel meeting room de “Il Baglio” di contrada Selvaggio. La certificazione Halal attesta che i prodotti siano conformi alla dottrina islamica, dando vita a una vera e propria certificazione di qualità, di filiera e di prodotto. A tenere una relazione, dunque, saranno il tecnologo alimentare Syed Muhammad Ghufran Saeed che negli ultimi cinque anni è stato insegnante all’università Karachi, dipartimento di tecnologia e scienze alimentari, e Muhammad Zubair Mughal, funzionario del Consiglio di ricerca Halal, l’organizzazione, con sede in Pakistan, che lavora a livello globale sulle certificazioni per soddisfare le esigenze dell’alimentazione e della nutrizione Halal. L’appuntamento che prende il via domani, promosso dall’Ordine dei tecnologi alimentari di Sicilia e Sardegna, dal dipartimento Agricoltura, Alimentazione e Ambiente dell’Università di Catania, dal dipartimento di Prevenzione del Servizio igiene alimentare dell’Asp di Ragusa, con la collaborazione di Cmc laboratorio, aprirà i battenti a partire dalle 9,30 con gli interventi di Salvatore Baglieri, direttore del dipartimento prevenzione veterinario di Ragusa, di Aldo Todaro, dell’Ordine dei tecnologi alimentari di Sicilia e Sardegna, di Cinzia Caggia dell’Università degli Studi di Catania, dipartimento Di3A, e di Carola Parano dell’Università San Raffaele di Roma. La prima parte dei lavori sarà completata alle 13 per poi riprendere alle 14 mentre alle 17 è prevista la conclusione della prima parte del workshop e il question time. La seconda parte inizia sabato alle 8,30. I lavori saranno chiusi intorno alle 13. “Ci occuperemo sostanzialmente – dice il tecnologo alimentare Danilo Scalone, componente del comitato scientifico che sta promuovendo l’iniziativa – di illustrare i concetti base dell’industria Halal nell’era moderna e di chiarire il potenziale del mercato Halal. Ma forniremo anche degli elementi sullo sviluppo dei marchi Halal e su come esportare verso un mercato multibilionario. Tutte nozioni di grande interesse rivolte anche alle aziende presenti sul nostro territorio. E, naturalmente, non solo”. Il workshop è rivolto a tecnologi alimentari, biologi, chimici, veterinari, ricercatori universitari, addetti al controllo ufficiale, investitori, studenti, esperti del settore food. Ma anche ad aziende di produzione e di commercio di alimenti e bevande, a Spa, ad aziende di trasporto e logistica, ad addetti dei servizi turistici, ad hotels e resorts, ad operatori farmaceutici. All’iniziativa hanno già fornito la propria adesione le seguenti aziende: Gruppo ibleo trasporti, Salumificio il chiaramontano, Avimecc, Spadola, Pizzoli.