Ragusa, controlli Ispettorato lavoro: 7 lavoratori in nero e sanzioni per 40 mila euro

Sette lavoratori in nero, 2 irregolari, sanzioni amministrative e ammende per 40 mila euro circa. E' il bilancio dei controlli eseguiti sul territorio della Provincia di Ragusa dai carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro e del Comando Provinciale di Ragusa, insieme agli Ispettori del Lavoro civili e su impulso del Direttore Territoriale del Lavoro.

In particolare:

  • a Ragusa, in un bazar cinese, veniva contestato l’illecito utilizzo senza autorizzazione del Direttore della DTL dell’impianto di video sorveglianza e impiegabile solo con accordo sindacale secondo la legge 300 del 1970;una cooperativa sociale esercente una casa di riposo privata, impiegava 2 lavoratori in posizione d'irregolarità, facendo scattare così sanzioni amministrative.
  • a Modica, in un altro bazar cinese, veniva riscontrata la presenza di 1 lavoratrice in nero; in un negozio di abbigliamento venivano sorpresi 2 lavoratori in nero su 3 presenti per cui si procedeva alla sospensione dell’attività imprenditoriale;
  • a Vittoria, in un’azienda agricola, all’imprenditore veniva contestato l’impiego di 1 lavoratore in nero extracomunitario privo di permesso di soggiorno; in una seconda azienda agricola, veniva sorpreso 1 lavoratore in nero extracomunitario anch’esso senza permesso di soggiorno;
  • ad Acate, veniva controllata un’impresa edile, in cui venivano contestate al titolare la mancata visita medica per gli operai e la mancata redazione del Piano Operativo di Sicurezza (POS), nonché riscontrata la presenza di 1 lavoratore in nero.

Sono stati in sintesi: controllate 25 aziende e 37 lavoratori; sorpresi 7 lavoratori in nero e 2 irregolari; contestate sanzioni amministrative per 22 mila euro; ammende per 18 mila e 208 mila euro;
L’Arma, sotto l’egida della Direzione Territoriale del Lavoro, prosegue la campagna di controlli di settore, ma continua a riscontrare una realtà lavorativa che non si avvale delle possibilità introdotte dal Jobs Act, né delle numerose depenalizzazioni introdotte anche dalla recente legge 6/2016. L’augurio è che tali fenomeni possano diminuire sempre più e che la consapevolezza dei propri diritti e doveri si radichi maggiormente nei datori di lavoro come nei lavoratori stessi, al fine di giungere a quel percorso virtuoso cui aspirano sia l’Assessorato che il Dipartimento del Lavoro della Regione Siciliana.