La "Sicilia nel calice" a Ragusa

Sensazioni ricche, che hanno consentito a chi ha partecipato di rendersi conto davvero quanto l’abbinamento di un buon vino può rendere indimenticabile un pranzo o una cena. E’ riuscita la scommessa di Jobbing Centre Ragusa che, in occasione del primo appuntamento di “Sicilia nel calice”, tenutasi nella sede di contrada Puntarazzi, ha avuto l’opportunità di proporre sei etichette di Planeta Winery che hanno incontrato sei piatti dell’enogastronomia siciliana. Ecco perché ne è venuto fuori un vero e proprio viaggio del gusto attraverso le peculiarità del terroir della nostra isola. Cibo e vino hanno così formato un binomio perfetto che ha accompagnato i partecipanti lungo un percorso fatto di sensazioni gustative e di fragranze emozionali davvero uniche nel proprio genere. E’ stato possibile apprezzare in degustazione il Moscato di Noto, il Cometa, lo Chardonnay, il Cerasuolo di Vittoria, il Santa Cecilia e per finire il Nerello Mascalese "Eruzione 1614", tutte etichette di Planeta Winery. E poi il fascino dei piatti creati dagli chef di Jobbing Centre il cui gusto è stato proprio esaltato dai vini in abbinamento. Un esperimento che, visti i risultati molto positivi, sarà ripetuto già il 13 maggio con un altro appuntamento in cui stavolta protagonisti saranno i vini dell'azienda Arianna Occhipinti. E’ dunque già in programma un altro percorso interessante all'insegna di vini e piatti del nostro terroir a testimoniare la ricchezza di un itinerario che ha stupito chi era presente e che si propone di coinvolgere altri partecipanti per dare vita a un viaggio unico lungo i sentieri del sapore.