WhatsApp, blocco di 72 ore in Brasile

WhatsApp bloccato per 72 ore. E' accaduto in Brasile. Lo ha stabilito il giudice Marcel Montalban, del tribunale di Lagarto, nello Stato di Sergipe, che, con una sentenza data 26 aprile, ha ordinato a tutte le compagnia telefoniche locali, di rete fissa e mobile, di bloccare il servizio di messaggistica in tutto il territorio del Paese a partire dalle 14 locali (le 19 italiane). In caso contrario saranno soggette a multa giornaliera di 500 mila reais (circa 125 mila euro). Come riporta il quotidiano La Folha, le cinque compagnie telefoniche brasiliane TIM, Oi, Vivo, Claro e Nextel hanno già detto che rispetteranno il provvedimento.

Montalvao è lo stesso magistrato che, in marzo, ha fatto arrestare il vicepresidente di Facebook per l’America Latina, Diego Dzodan. Ora il giudice vuole che l'azienda, di proprietà del colosso in mano a Mark Zuckerberg, fornisca i dati di alcuni utenti coinvolti in un'indagine sul traffico di droga condotta dalla polizia federale, cosa che la società si è rifiutata di fare. A inizio aprile WhatsApp ha infatti introdotto la cifratura "end-to-end" che rende le conversazioni non accessibili a terzi.