Cesena, picchiata con l'accusa di malocchio

Picchiata e minacciata di morte con l'accusa di fare il malocchio e costretta a bere acqua bollente per purificarsi dal sortilegio. E' accaduto nella notte tra il 13 e il 14 aprile a Cesena. Le manette sono scattate per quattro persone appartenenti alla stessa famiglia perché accusate di aver messo nel mirino una famiglia di Cesena. Dopo le minacce e le botte al padre e al fidanzato di lei hanno obbligato la vittima (una 30enne di Cesena) a salire in auto con loro. La destinazione era un casolare di campagna dove la ragazza è stata costretta a bere una bottiglia intera di acqua bollente come rito purificatorio. La vittima si è poi salvata inventando una sorta di rito per togliere il malocchio all'artefice di questa storia, una 22enne che credeva di essere stata colpita da qualche sortilegio. L'operazione è stata fatta dai carabinieri di Cesena che hanno arrestato tutti e quattro gli aggressori. Ora sono in carcere a Forlì.