Federica Bisegna al teatro Ideal di Ragusa

A due anni esatti dalla morte di Gabriel Garcìa Màrquez, l’attrice Federica Bisegna con il suo “L’amore a tempi del colera” rende omaggio allo scrittore colombiano premio Nobel per la letteratura nel 1982. Una prova di grandissimo livello, quella della Bisegna, che venerdì, sabato e domenica scorsi ha regalato al pubblico del Teatro Ideal di Ragusa forti emozioni. Lo spettacolo fa parte della rassegna “Palchi DiVersi” che ormai da 11 anni vede la Compagnia G.o.D.o.T. protagonista del teatro ragusano. L’attrice, magistralmente diretta dal regista Vittorio Bonaccorso, ha voluto riproporre questo spettacolo, proprio per rendere omaggio al suo autore preferito, morto il 17 aprile del 2014. E come accadde per la scorsa edizione, anche quest’anno il successo di pubblico non è mancato. Due ore intense durante le quali la bravissima Bisegna, senza alcuna interruzione, con eccellente bravura, ha narrato le vicende di Florentino Ariza e della sua amata Fermina Daza nella seconda metà dell’ ‘800. Un amore tormentato, il loro, lungo “cinquantun anni nove mesi e quattro giorni, notti comprese”. Una storia di coraggio, di speranza e di attesa. Federica Bisegna, ha “riempito” il palcoscenico con la sua voce e i suoi semplici gesti, ha narrato con passionalità, energia, malinconia la storia dei due amanti, ha descritto con peculiarità, precisione personaggi, ambientazioni fino a renderli reali, nel rispetto dei tratti e colori tipici della scrittura di Marquez. Alle spalle una semplice scenografia, un tavolo e due sedie di vimini da un lato, due manichini dall’altro, lui e lei, così protagonisti, evidenti, presenti. Lo spettacolo fa parte del cd teatro di narrazione, in cui la capacità di interpretazione si unisce a quella della improvvisazione, peculiarità che ancora di più hanno fatto emergere il talento e l’esperienza della Bisegna. La rassegna “Palchi Diversi” si avvicina alla conclusione. Sabato prossimo, 23 aprile, alle 20.30 un altro appuntamento al teatro Ideal con il teatro della narrazione con il “Macbeth” di William Shakespeare. Nel giorno in cui ricorre il 400° anniversario della morte del poeta e drammaturgo inglese, la Bisegna farà rivivere i due coniugi bramosi di potere e le drammatiche vicende che li conducono alla follia e alla morte.