Ragusa, servizio alunni disabili sospeso: protesta in Prefettura

Partirà da piazza Libertà a Ragusa, alle 9.30 di lunedì 7 marzo, il corteo di protesta organizzato dal Coordinamento Pro diritti H di Ragusa e dal Forum Terzo Settore, per manifestare la rabbia e il dissenso contro il provvedimento di sospensione del servizio di trasporto e di assistenza scolastica per gli studenti disabili delle scuole superiori di secondo grado della ex Provincia di Ragusa. I manifestanti raggiungeranno quindi intorno alle 10 la Prefettura di Ragusa, dove organizzeranno un presidio e un sit-in, per chiedere di parlare con il prefetto Maria Carmela Librizzi. “Chiederemo al prefetto di incontrare una rappresentanza dei manifestanti, perché vogliamo esprimere la nostra enorme preoccupazione per questa ennesima sospensione del servizio di trasporti e dell'assistenza scolastica agli alunni disabili che frequentano gli istituti superiori – spiega Salvina Cilia, portavoce del Forum Terzo Settore e presidente del coordinamento Pro Diritti H – Descrivere il disagio e la discriminazione che stanno subendo questi studenti e le loro famiglie non è facile”. Diritto allo studio negato per circa 174 alunni con disabilità e pesanti disagi per le famiglie, che da un giorno all'altro hanno ricevuto la comunicazione della sospensione dei servizi: “Il servizio è stato sospeso dal primo marzo e la comunicazione ci è arrivata alle 13 del 29 febbraio – conferma Cilia – questo ha creato disagi ancora più grandi”. Per dire basta a questa situazione, che va avanti praticamente dall'inizio dell'anno, scenderanno in piazza tutte le associazioni per la disabilità che fanno parte del Coordinamento Pro Diritti H: Csr (Consorzio Siciliano di Riabilitazione), Aias, Anffas iblee, Centro Neuromotulesi, Aiffas Vittoria, Medicare, Unione italiana ciechi, Cooperativa Integra, Raggio di Sole Onlus, Associazione Integra e Arthai. Ci saranno anche il Forum Terzo Settore, i genitori degli studenti disabili, altre associazioni a tutela dei disabili, studenti delle scuole superiori, la CGIL Scuola e gli assistenti specializzati per la disabilità.