Tecnologie

WhatsApp abbandona BlackBerry e Nokia

0

0

0

0

0

WhatsApp abbandona BlackBerry e Nokia WhatsApp abbandona BlackBerry e Nokia

WhatsApp, la chat utilizzata da oltre un miliardo di utenti, annuncia che entro la fine del 2016 terminerà supporto e aggiornamento per sistemi operativi obsoleti o poco diffusi come BlackBerry, Nokia e Windows 7.1 Mobile. WhatsApp continuerà a fornire aggiornamenti per chi ha smartphone Android, dalla versione 2.3 in su, per i dispositivi iOS di Apple (gli iPhone) e per i Windows Phone con versione del software dalla 8.1 a salire. "Questi dispositivi mobili - si legge sul blog della compagnia - sono stati una parte importante della nostra storia ma non offrono più le capacità che ci servono per ampliare le nostre funzionalità in futuro". Oltre alle versioni obsolete dei vari sistemi operativi mobili, WhatsApp decide di tagliare del tutto il supporto agli utenti BlackBerry, anche per chi ha dispositivi con l'ultima versione del sistema operativo. Consumatori che non rappresentano nemmeno l'1% del mercato degli smartphone. Agli inizi di WhatsApp, ricorda la compagnia che ha da poco compiuto 7 anni, "il 70% degli smartphone venduti aveva come sistema operativo BlackBerry e Nokia". Da cià l'invito della compagnia a passare a nuovi Android, iPhone o Windows Phone prima della fine dell'anno per poter continuare a usare l'applicazione di WhatsApp.
 

0

0

0

0

0

Ha da poco sfondato quota un miliardo di utenti e vuole puntare solo sulle piattaforme smartphone più promettenti in termini di crescita: WhatsApp
la chat acquistata due anni fa da Facebook
annuncia che a fine 2016 terminerà supporto e aggiornamento per
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
WhatsApp abbandona BlackBerry e Nokia
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Facebook vieta vendita di armi tra privati
News Successiva
Facebook, al via messenger agli editori