Royalties Ragusa, Dipasquale replica al sindaco Abbate

"Il sindaco Ignazio Abbate era sicuramente distratto a guardare la finale di Sanremo e ha evidentemente compreso male o confuso la Regione con il Governo nazionale perché non c'è altra spiegazione". E’ così che si esprime il deputato regionale Nello Dipasquale sulla nota diramata dal sindaco Abbate a poche ore dall’approvazione dell’emendamento approvato dalla commissione Bilancio dell'Ars ( di cui primo firmatario è lo stesso Dipasquale) che rivoluziona l'utilizzo delle royalties petrolifere destinandole alla riqualificazione dei centri storici e ad iniziative a sostegno dei cittadini e delle fasce deboli."E' un emendamento che ho presentato per rifinanziare la legge su Ibla, - commenta Dipasquale – e continuare a sostenere i Comuni che sono oggetto di estrazioni petrolifere, come Ragusa e dare una percentuale anche ai Comuni limitrofi, appartenenti al libero consorzio. Ed invece il sindaco Abbate piuttosto che riconoscere opportunamente questo obiettivo che ho perseguito e raggiunto in favore di tutta la provincia di Ragusa, e dunque anche di Modica, rilascia dichiarazioni fuorvianti e che lasciano sconvolti. Abbate fa riferimento al suo incontro con il sottosegretario Vicari da cui sarebbe scaturito questo risultato importante delle royalties. Praticamente è diventato un bravo autore di barzellette oppure devo immaginare che non ha chiara la differenza tra la Regione e il Governo nazionale. La Vicari, glielo provo a spiegare con semplicità, è viceministro del Governo nazionale, non è componente del Governo regionale. Abbate ha fatto confusione o forse vuol far confusione. Ma il senso delle sue dichiarazioni è assolutamente falso. Se vuole ringraziare qualcuno, dovrebbe ringraziare il sottoscritto e i componenti della commissione Bilancio, ma se proprio non vuol farlo, deve di certo ringraziare la Regione e non sicuramente il sottosegretario Vicari che, dalle parti dell'Ars non l'abbiamo di certo né vista né sentita, così come lo stesso Abbate. Tenta di fare campagna elettorale con il lavoro e l'impegno degli altri, piuttosto che impegnarsi al raggiungimento di veri obiettivi per la città che dovrebbe amministrare quotidianamente”. Abbate a poche ore dalla notizia dei royalties aveva diramato un comunicato affermando di essere soddisfatto per il risultato raggiunto. “Mi sarei aspettato una percentuale maggiore - commenta Abbate - visto che il 30% mi pare riduttivo rispetto alla proporzione dei territori. È comunque un buon passo avanti. Nell'ultimo incontro avuto con il viceministro Simona Vicari, che la settimana prossima avremo ospite a Modica, avevamo ricevuto delle rassicurazioni che si sono rivelate fondate".  Sulla notizia dei royalties è intervenuto anche il sindaco di Ipsica, Pierenzo Muraglie. "Seguendo con estrema attenzione e partecipazione la seduta della Commissione Bilancio all'Ars  - dice Muraglie - dove si è discusso dei fondi da destinare ai Comuni siciliani aventi personale precario e/o in esubero, abbiamo accolto con favore l'approvazione dell'emendamento che permetterà di destinare parte dei proventi delle royalties in favore dei Comuni del Libero Consorzio. Questa azione fortemente voluta dall'onorevole Dipasquale è un segnale da tanto tempo auspicato per i Comuni che versano in condizioni economiche difficili consentendo di beneficiare di nuove risorse e garantire servizi ed interventi nei centri storici valorizzando il proprio territorio".