Disturbo depressivo ereditato dai Neardenthal

Dipendenza della nicotina, difetti al sistema immunitario e depressione potrebbero essere un'eredità lasciataci dall'uomo di Neanderthal. Lo dice uno studio condotto da alcuni ricercatori coordinati da John Capra, della Vanderbilt University di Nashville, che hanno messo a confronto gruppi di geni isolati da resti di Neanderthaliani con quelli di individui moderni sani. Dal 2010 si sa che l'uomo moderno di origini euroasiatiche ha ereditato dall'1 al 4% del Dna dai Neanderthal, ma questo e' il primo studio a fare un confronto diretto e confermare tale lascito genetico. Pare che dal Dna dei Neanderthal arrivino alcune caratteristiche cliniche dell'uomo moderno, quali malattie immunologiche, dermatologiche, neurologiche, psichiatriche e riproduttive. Ad esempio i ricercatori hanno trovato delle variazioni nel Dna Neanderthal che influiscono, come si ipotizzava, sulla pelle dell'uomo moderno, in particolare sul rischio di sviluppare lesioni prodotte dal sole o ancora l'aumento del rischio di dipendenza da nicotina o della depressione.