Fumo, Beatrice Lorenzin invia divieti a Prefetti

Foto e scritte a difesa della salute sulle confezioni di sigarette, di tabacco da arrotolare o per pipa ad acqua, o ancora il divieto di fumare in auto quando a bordo ci sono bambini o donne incinte. Sono alcuni dei divieti entrati in vigore lo scorso 2 febbraio con il decreto di recepimento della direttiva Ue sul tabacco illustrati nella Circolare indirizzata ai Prefetti, firmata ieri dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin. La Circolare ministeriale, che fornisce indicazioni interpretative e attuative sul decreto (Dlgs. n. 6/2016 che recepisce la direttiva 2014/40/UE) entrato in vigore martedì scorso, nelle sue premesse sottolinea che la finalità delle nuove norme è "assicurare un elevato livello di protezione della salute attraverso l'introduzione di maggiori restrizioni e avvertenze per dissuadere i consumatori e, in particolare, i minori dal consumo di prodotti a base di tabacco o contenenti nicotina". Nella nuova direttiva vengono anche elencate le sanzioni, aumentate rispetto al passato, per la vendita ai minori di prodotti a base di tabacco, nonché di sigarette elettroniche e contenitori di liquido di ricarica con presenza di nicotina e prodotti del tabacco di nuova generazione, fino alla revoca della licenza.