Palermo, disinnescato ordigno bellico

Disinnescato dagli aritificieri ieri mattina un ordigno bellico a Palermo. Intorno alle ore 10 tutta la zona limitrofa al Castello a Mare e al Porto è stata transennata e presidiata da militari e polizia. Il prefetto di Palermo Antonella De Miro ha disposto l'evacuazione dell'area che ricade in un raggio di 400 metri dal luogo del ritrovamento della bomba. Sono stati circa 3.200 i residenti che hanno dovuto lasciare le proprie abitazioni. L'ordigno, una bomba di 600 libbre, che risale alla seconda Guerra mondiale er usata dagli americani per bombardare porti e linee ferroviarie.