Argu Lu Cani di Salvo Miccichè

Argu lu cani, come il cane di Ulisse, visse vent'anni. A lui (e al "Liggituri") il poeta, il Pensatore, narra le sue storie, i suoi "cunti", i suoi versi, e il cane lo ispira a tirarli fuori dalla memoria, ricordandogli l'Iliade e l'Odissea, la Bibbia, l'Apocalisse e tutti i libri letti. Ne nascono nenie, filastrocche e litanie, "limate" dal poeta in rime siciliane, con una particolare attenzione al "paleologismo", ad arcaismi tipici che si prestano a giochi linguistici che possono (e debbono) far pensare il Lettore... La traduzione in italiano e un glossario dei termini siciliani arricchiscono il racconto per chi vuole approfondire.