Blue Monday, il giorno più triste dell'anno

Ieri era il terzo lunedì di gennaio ed era il Blue Monday ovvero il giorno più triste dell'anno. Una ricorrenza che si festeggia il terzo lunedì del mese di gennaio. ''Si gioca sicuramente sul giorno di questa particolare 'ricorrenza' - afferma il presidente della Società italiana di psichiatria (Sip) Claudio Mencacci - infatti cadendo di lunedì le persone sono evidentemente di umore peggiore. Forse diverso sarebbe l'atteggiamento se il Blue Monday si celebrasse di sabato o domenica''. Ad ogni modo, pur sottolineando la difficoltà a verificare che questo risulti effettivamente il giorno più triste dell'anno, Mencacci invita a 'leggere' la ricorrenza in modo diverso, un pò 'controcorrente': ''Anche la tristezza è un'emozione, dunque viviamola come tale e questa giornata, in un certo senso, la 'rivaluta'''. Cosa ben differente, precisa però il presidente Sip, ''è parlare di depressione, che è una vera patologia per la cui cura si fa ancora troppo poco. Di depressione bisogna parlare di più, mettendo in campo misure mirate''. Quanto al Blue Monday, ad essere invece convinto di tale ricorrenza è ovviamente il suo 'ideatore': a calcolare la data con esattezza, nei primi anni 2000, è stato Cliff Arnall, uno psicologo dell'Universita' di Cardiff, che tramite una complicata equazione e' riuscito a stabilire che questo è proprio il giorno più 'nero' dell'anno, quello in cui ci sentiamo più tristi. In Gran Bretagna il Blue Monday viene preso sul serio tanto che negli anni è stato visto che aumentono proprio in questa giornatail numero delle assenza dal lavoro.