Secondo successo per la New Team Ragusa

Miglior inizio d’anno non poteva esserci per la New Team Ragusa. Centrata la seconda vittoria consecutiva in trasferta. E raggiunto l’obiettivo che era stato prefissato prima del match sul campo dell’Aragona, vale a dire risalire la china. I gialloneri hanno dimostrato di essere in salute nonostante il match di ieri non sia stato certo dei più semplici. A risolvere la situazione il reattivo Jamal Khalfouni che, entrato in corsa, ha segnato prima, su assist di Vicari, il gol del pareggio e poi, ad una manciata di minuti dalla fine, la rete dell’1-2 con una conclusione spettacolare. Soddisfatto, naturalmente, l’allenatore Carmelo Giglio per la risposta fornita dai suoi ragazzi al rientro dalla pausa natalizia. Ma tutto l’entourage della New Team Ragusa si dice estremamente confortato dal rendimento della squadra che, adesso, sembra essere senz’altro più adeguato rispetto al potenziale dell’organico. “Peccato per il finale convulso di gara – afferma il diesse Massimo Vitale – che ci è costato l’espulsione per fallo di reazione di Andolina che adesso non sarà disponibile per la prossima gara, quella di sabato, contro il Palma di Montechiaro, che giocheremo tra le mura amiche a partire dalle 14,30. Ma era importante riuscire a fare risultato pieno su un campo non semplice come quello dell’Aragona. E riteniamo di avere concretizzato il nostro obiettivo con merito, grazie anche alle perle di Khalfouni. La gara di ieri è stata pure caratterizzata da un gol regolare annullato a Vicari e dall’infortunio del capitano Daniele Vitale. Abbiamo cercato di non perdere la testa nei momenti più complessi della stagione e, anche ora, non possiamo dire di avere superato completamente la fase difficile. C’è sempre da stare in campana anche quando si affronta un avversario sulla carta abbordabile come il prossimo. E poi, in casa, nel corso di questa stagione, siamo stati avari di soddisfazioni nei confronti dei nostri tifosi. Ecco perché dobbiamo cercare di scendere in campo, da subito, con la giusta mentalità. E condurre la partita a nostro favore. Non c’è neanche il tempo di goderci la vittoria contro l’Aragona che già si dovrà tornare subito a giocare. Speriamo, anche in questo caso, di fare bene e di puntare decisamente in alto”.