Dagli Usa alla 13esima Hybla Barocco Marathon

L’Hybla Barocco Marathon edizione 2016 parla anche straniero. Domenica 10 gennaio, per la tredicesima edizione, ci saranno, infatti, gruppi di corridori che arrivano da Malta, dagli Stati Uniti, dall’Austria, dalla Gran Bretagna e dalla Slovenia. Insomma, presenze internazionali a dimostrazione della grande attenzione che gli sportivi di tutto il mondo riservano a un evento che, nel giro di pochi anni, è riuscito a trasformarsi in una vera e propria classica. Confermate, inoltre, le oltre settecento adesioni che animeranno le varie competizioni in programma. Si parte alle 8 del mattino da via Feliciano Rossitto (accanto al liceo scientifico “Enrico Fermi” di viale Europa). L’arrivo, dopo il classico percorso di 42 chilometri e 195 metri, nel cuore di Ibla, il quartiere barocco di Ragusa. Alle 9 sarà dato il via ai camminatori che animeranno il tracciato di fitwalking. Quindi, alle 9,45, inizierà la tredicesima edizione della “StraRagusa”, lunghezza 21 chilometri e 97 metri. La mezzamaratona, come la “sorella” maggiore, comincerà da via Rossitto per poi concludersi, anche in questo caso, a Ibla. Il tracciato, ovviamente, sarà ridotto. Alle 10, da piazza San Giovanni, prenderà il via, inoltre, la Family Run dedicata, soprattutto, alle famiglie sportive che arriveranno, in concomitanza con gli atleti della maratona, in piazza Pola. Anche quest’anno, in più, sarà attribuito, giunto all’ottava edizione, il premio Emiliano Ottaviano, dedicato alla memoria del dirigente sportivo ragusano scomparso in giovane età. Il premio, quest’anno, sarà offerto dall’associazione Aiad, per la prevenzione contro il diabete, presieduta a Ragusa da Gianna Miceli. Quindi ci sarà anche la partecipazione dei ragazzi autistici del progetto Filippide perché l’evento sportivo del 10 gennaio si apre in maniera evidente, anche stavolta, al mondo della solidarietà. L’organizzazione della Hybla Barocco Marathon è curata dall’associazione “Sicily is one” presieduta da Sebastiano La Mesa, con il supporto dell’associazione “No al doping” di Guglielmo Causarano ed Elio Sortino oltre al supporto dello Csain. E’ previsto il sostegno concreto da parte del Comune di Ragusa. Inoltre, anche quest’anno ci sarà l’appoggio dell’impresa ecologica Busso Sebastiano che gestisce il servizio di igiene ambientale in città. “Siamo ormai agli sgoccioli per vivere una edizione che si annuncia già indimenticabile – affermano La Mesa, Causarano e Sortino – cercheremo di fare in modo che gli aspetti organizzativi siano impeccabili. Come sempre puntiamo a far sì che si tratti di una bella giornata di sport in grado di coinvolgere tutti quanti”.