Rifacimento solai scuole: a Ragusa "neppure 1 euro"

“Un’ennesima occasione perduta per la città di Ragusa. Il Miur ha pubblicato la graduatoria concernente le istanze presentate dai Comuni per le verifiche dei solai degli edifici scolastici. In tutta Italia sono stati stanziati ben 40 milioni di euro. In Lombardia ci sono stati 1.127 finanziamenti, in Sicilia 510. In provincia di Ragusa sono stati assegnati: a Comiso finanziamenti per cinque scuole, circa 6750 euro ad edificio, a Modica per 19 scuole, ad Acate per 5, a Ispica per 3 scuole e a Vittoria per una. A Ragusa? Neppure un euro”. A sottolinearlo sono i consiglieri comunali del Pd, Mario D’Asta e Mario Chiavola, che hanno presentato una interrogazione al sindaco e all’assessore all’Edilizia scolastica. “Vorremmo capire – dicono i due consiglieri democratici – perché a Ragusa non sono arrivati i fondi. Le istanze sono state presentate? Non è possibile che questa ghiotta opportunità non sia stata colta soprattutto se si parla dei luoghi dove i nostri figli studiano e rispetto ai quali è necessario garantire un’adeguata messa in sicurezza. E invece la nostra città perde decine di migliaia di euro senza colpo ferire. E, ancora, è stato presentato un progetto per partecipare all’iniziativa denominata “Scuola innovativa” o anche in questo caso si è ritenuto opportuno, chissà mai poi per quale motivo, soprassedere? L’Amministrazione comunale grillina era a conoscenza di questa importante iniziativa a livello nazionale? Era a conoscenza dell’avviso pubblico per il finanziamento in favore di enti locali di indagini diagnostiche dei solai degli edifici scolastici e dei finanziamenti per 30 scuole innovative? Sono tutti questi gli interrogativi a cui vorremmo che si desse una risposta. Perché non è possibile anche solo pensare che non sia stato valutato come opportuno presentare l’istanza per potere partecipare al bando in questione. O, peggio ancora, se sono stati presentati dei progetti ci piacerebbe sapere perché gli stessi sono stati esclusi. Tutte risposte che ci attendiamo in aula dal sindaco e dai componenti della Giunta”.