Appuntamenti

La benedizione di San Giorgio alla città di Ragusa

0

0

0

0

0

La benedizione di San Giorgio alla città di Ragusa La benedizione di San Giorgio alla città di Ragusa

La benedizione di San Giorgio martire ricada, ancora una volta, su tutta Ragusa. Perché il santo possa fungere, sempre, da supporto e da guida, così come è stato nei 372 anni in cui ha ricoperto la figura di glorioso patrono

La benedizione di San Giorgio martire ricada, ancora una volta, su tutta Ragusa. Perché il santo possa fungere, sempre, da supporto e da guida, così come è stato nei 372 anni in cui ha ricoperto la figura di glorioso patrono della città. Un rito tornato a perpetuarsi, ieri sera, al termine della solenne concelebrazione eucaristica tenutasi al Duomo di Ibla. Il tutto caratterizzato da un augurio molto atteso da devoti e fedeli. Un augurio arrivato dal vescovo di Ragusa, mons. Paolo Urso, che ha presieduto la cerimonia religiosa ripercorrendo, nell’omelia, la vita del santo cavaliere, tratteggiandone le paure umane a cui ha, però, fatto da contraltare una grande forza spirituale. La stessa forza spirituale che deve muovere ciascun fedele nel suo percorso verso Dio. Mons. Urso si è rivolto soprattutto ai giovani scouts della città che, partendo dalle loro sedi, hanno raggiunto il Duomo in pellegrinaggio, per rendere così omaggio al loro santo patrono. Considerata la solennità della cerimonia erano presenti il prefetto di Ragusa, Annunziato Vardè, il sindaco, Federico Piccitto, con il presidente del Consiglio comunale Giovanni Iacono, il questore Giuseppe Gammino, il comandante provinciale della Guardia di Finanza, Alessandro Cavalli, e il comandante reggente della Compagnia di Ragusa dei carabinieri, David Milul. C’era anche il gonfalone della città ad evidenziare la solennità del momento. Numerosi, anche in questa occasione, i fedeli presenti al Duomo che hanno così avuto modo di onorare il santo cavaliere in attesa della festa esterna che, quest’anno, si terrà il 29, il 30 e il 31 maggio. I componenti dell’associazione San Giorgio martire, che hanno partecipato in maniera compatta e sentita alla messa solenne di ieri sera, al termine della funzione religiosa hanno annunciato, assieme ai componenti dell’associazione portatori con cui stanno collaborando, che renderanno noto nelle prossime ore il calendario dei festeggiamenti che sarà assolutamente in linea con quello delle precedenti edizioni. I componenti delle due associazioni, inoltre, hanno voluto esprimere il proprio ringraziamento a tutti coloro che già si sono espressi a favore dell’organizzazione di iniziative in grado di rispondere alle esigenze di una manifestazione religiosa di così grande richiamo, una manifestazione che, negli ultimi anni, ha saputo riconquistare la massima attenzione e che intende procedere su questa direzione, nonostante le ristrettezze economiche, anche per il prossimo futuro. “Pure ieri sera – dice il parroco del Duomo, don Pietro Floridia – abbiamo potuto prendere atto dell’ennesimo attestato di devozione che questa città nutre nei confronti del santo cavaliere. Una figura emblematica per quanto riguarda la vittoria del bene sul male e che, ancora oggi, incarnando una non comune vitalità ed effervescenza, risulta essere di una attualità sorprendente”.

 

0

0

0

0

0

Ragusa
Diocesi
San giorgio
Commenti
La benedizione di San Giorgio alla città di Ragusa
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
25 aprile, anniversario liberazione festa delle resistenze
News Successiva
A Ragusa le celebrazioni per San Giuseppe Artigiano