Blog: la Penna di...

Parliamo di sinistra

0

0

0

0

0

Parliamo di sinistra Parliamo di sinistra

Abbiamo bisogno di più Socialismo, di più Sinistra, oggi più che mai nella coscienza di vivere la società del declino civile. Lo potremmo chiamare anche mutualismo laico, o in qualunque altro modo, purché l’accezione sia utile a porre in rilievo l’esigenza di un contraltare alla feroce competizione per il profitto e il dissoluto eccessivo accumulo di ricchezze da iper-produzione, spesso solo in nome dell’artificio finanziario. In altri termini ci serve un’alternativa da contrapporre al capitalismo più liberista e meno liberare. Socialismo e capitalismo (o astraendoli ab origine collettivismo e individualismo), sono modelli di pensiero innati nell’umanità, e concorrono vicendevolmente alla formazione di una Civiltà Libera e in progresso continuo. Perciò non si vuole demonizzare il fatto che esista, da parte di una rilevante porzione sociale, la tensione alla proprietà, o alla realizzazione di un capitale, piuttosto si crede utile ricorrere alla moderazione degli eccessi conseguenti a tale visione della vita, per mezzo di politiche di tipo liberal-socialiste. Così che tutto possa concorrere utilmente nel sistema conviviale. Il lavoratore e il datore di lavoro sono figure imprescindibili per qualunque tipo di analisi storica ed economica. Nel rispetto reciproco delle opposte relazioni dialettiche, l’uomo evolve insieme agli eventi e ai tempi, che già da soli precorrono talvolta le azioni. Il sistema si inceppa quando una delle due visioni ideologiche ha il sopravvento sull’altra. Ed è per tale ragione incontestabile che oggi occorre uscire dai piagnistei fatui dell’antipolitica, quanto dall’asservimento al pensiero del più forte. Occorre comunque cambiare le cose, ripristinando gli equilibri sociali, e bisogna farlo muovendo riflessioni critiche e proficue dall’interno, nello specifico dal e nel Partito Democratico, casa unica del pensiero di Sinistra e Liberale, aderendo con convinzione alle logiche di un socialismo di respiro europeo. Lo si deve fare nel massimo e assoluto rispetto delle gerarchie interne democraticamente elette all’interno del Partito, a tutti i livelli territoriali. Non solo in collaborazione, ma soprattutto in funzione – anche nelle critica - delle scelte politiche segratariali, in quanto esatta e pertinente manifestazione democratica interna, per cui degna del massimo rispetto. Occorre modificare le storture con la politica, chiedendo Sinistra, Socialismo, Progressismo, Riformismo - come già detto - Mutualismo o Consociativismo etico e libero, pretendendolo con forza assolutamente al di fuori da ogni forma equivalente alla mera elemosina. La Carità alla Chiesa, la Dignità per l’Uomo. Il Liberal-socialismo ha come base le componenti descritte, dunque si auspica che la richiesta di una politica di sinistra possa indurre il liberista a tornare liberale, funzionalmente alle comuni prospettive che riguardano la lieta convivenza umana. Si parla spesso a vanvera di re-distribuzione, oggi invece sarebbe utile spingere la discussione preventivamente sulla distribuzione. Dovremo giungere a Roma partendo dalla periferia, è un dato ideologico oltre che geografico. La restrizione del campo dei problemi è una necessità che oggi si impone all’analisi politica. Riusciremo a suggerire una discussione di elevata qualità, nel senso più progressista, solo dando risposte nell’immediato nel nostro territorio.  

F.to dott. Guglielmo Pacetto, Gaetano Celestre, Francesco Occhipinti, ing.Bartolo Bonvento, dott. Claudio Caruso

0

0

0

0

0

Sinistra
Guglielmo pacetto
Socialismo
Chiesa
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Parliamo di sinistra
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Emergenza sicurezza in città, Ruffino scrive al sindaco Abbate
News Successiva
Modica, Ignazio Giunta di IDV scrive al sindaco Abbate