Ragusa, la Giunta approva “manifesto territorio zero”

La Giunta Municipale nella seduta di ieri pomeriggio ha approvato, come atto d'indirizzo, la delibera con cui si impegna a sottoscrivere il manifesto “Territorio Zero”, strumento utile per contribuire al raggiungimento degli obiettivi principali fissati dall'Unione Europea in materia di energia, rifiuti e filiere corte in agricoltura. “Obiettivi principali del <Manifesto> - dichiara l'Assessore all'Ambiente Antonio Zanotto - sono: la diffusione del principio “emissioni zero, rifiuti zero e chilometro zero”, di un nuovo rapporto tra cittadini e risorse naturali presenti sul territorio attraverso la creazione di un'infrastruttura energetica basata sull'utilizzo delle fonti rinnovabili, ed azioni alternative al vecchio modello energetico rispetto, in particolare, ad inquinamento, abbandono delle campagne e consumo di suolo. Prevista inoltre - continua Zanotto - la creazione di un nuovo modello di sviluppo economico mediante un rinnovato protagonismo di Pmi, enti locali ed organizzazioni della società civile, che garantisca un'occupazione stabile e strettamente connessa al territorio ed una valorizzazione sostenibile delle sue risorse naturali, agricole, eno-gastronomiche e turistiche, con relativo risparmio di risorse economiche da indirizzare ad attività sociali in favore di famiglie ed imprese. Le azioni indicate dal documento, consentiranno di agevolare il raggiungimento degli obiettivi strategici fissati dall'Unione Europea quali efficienza energetica, chiusura virtuosa del ciclo dei rifiuti, promozione di attività agricole sostenibili di prossimità ed adozione di tecnologie distribuite di nuova generazione”.
“Al di là dell'innovazione multi-settoriale che il Manifesto consente di attuare nell'ambito dell'azione amministrativa – spiega ancora l'Assessore Zanotto - l'aspetto più originale è la creazione di un gruppo di lavoro comunale denominato “Territorio Zero”. Tale gruppo, suddiviso in tre sezioni, ossia energia, rifiuti ed agricoltura a km 0, sarà composta dal personale proveniente dai rispettivi settori dell'Ente, e si occuperanno di avviare e monitorare, attraverso verifiche periodiche, lo stato di attuazione del programma “Territorio Zero”. Una filosofia che quindi, attraverso la sottoscrizione del documento, non resta tale solo sulla carta, ma entra a far parte direttamente delle modalità operative dell'Amministrazione Comunale nelle scelte che riguardano la salvaguardia e la tutela del nostro territorio”.