Appuntamenti

Un targa in memoria di Peppe Ciccirarella

0

0

0

0

0

Un targa in memoria di Peppe Ciccirarella Un targa in memoria di Peppe Ciccirarella

“La tua indimenticabile voglia di vivere sarà per sempre la nostra forza”. Questa la dedica che il primario del reparto di Cardiologia dell’ospedale Maria Paternò Arezzo, Nino Nicosia, e il direttore

“La tua indimenticabile voglia di vivere sarà per sempre la nostra forza”. Questa la dedica che il primario del reparto di Cardiologia dell’ospedale Maria Paternò Arezzo, Nino Nicosia, e il direttore dell’Ufficio diocesano per la Pastorale della salute, don Giorgio Occhipinti, hanno apposto sulla targa affissa in una delle pareti della divisione che aveva visto operare Peppe Cicciarella, l’infermiere venuto tragicamente a mancare il 22 novembre scorso a causa di un incidente stradale verificatosi in via Achille Grandi a Ragusa. L’iniziativa di intitolargli una targa alla memoria si è svolta in occasione di una delle cerimonie religiose che hanno caratterizzato la novena di Natale nei presidi ospedalieri di Ragusa, oltre al Paternò Arezzo anche il Civile. “Devo dire che è stata una idea che ci ha accomunato al dott. Nicosia che apprezzava molto la professionalità di Peppe e la sua grande voglia di vivere. Ecco perché abbiamo ritenuto opportuno che la sua figura potesse essere ricordata durante la santa messa che abbiamo tenuto in Cardiologia e che ho celebrato assieme al cappellano ospedaliero, don Salvatore Giaquinta. E’ stata una cerimonia molto toccante nel ricordo di una persona speciale la cui memoria merita di essere onorata anche in futuro. Da qui l’intenzione di proporre e realizzare questo momento particolare”. 

0

0

0

0

0

Ragusa
Ospedale
Targa
Peppe cicciarella
Don giorgio occhipinti
Commenti
Un targa in memoria di Peppe Ciccirarella
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Il presepe vivente di Monterosso Almo censito da Italive
News Successiva
Capodanno in piazza San Giovanni a Ragusa