Appuntamenti

Natale di solidarietà per la Pastorale della salute negli ospedali di Ragusa

0

0

0

0

0

Natale di solidarietà per la Pastorale della salute negli ospedali di Ragusa Natale di solidarietà per la Pastorale della salute negli ospedali di Ragusa

Sarà un Natale di solidarietà. Un Natale che intende mettere in rilievo la fragilità umana. E’ questo il significato del programma promosso per la notte più attesa dell’anno dall’Ufficio diocesano per la Pastorale della salute che ha programmato tutta una serie di iniziative nei presidi ospedalieri di Ragusa, il Civile e il Maria Paternò Arezzo. “Un Natale di solidarietà – afferma il direttore dell’ufficio diocesano, don Giorgio Occhipinti – che, proprio per quanto riguarda la fragilità umana, deve diventare un luogo di speranza. Ecco perché abbiamo deciso di dedicare la messa di mezzanotte, che si terrà in cappella al Civile, a tutte le giovani vite che hanno lasciato questo mondo o per malattia o a causa di incidenti stradali, senza dimenticare anche le famiglie che hanno subito gravi lutti. Sarà ricordato pure il piccolo Loris”. Questi gli appuntamenti di mercoledì 24 dicembre. Alle 21 la messa della notte sarà celebrata al reparto Ostetricia del Paternò Arezzo mentre, in cappella, al Civile, alle 23,45 prenderà il via la veglia di Natale. A mezzanotte, poi, la tradizionale celebrazione eucaristica del Santo Natale. Sempre all’ospedale Civile, il giorno di Natale, alle 10, si terrà la messa del giorno che sarà poi ripetuta alle 11,30 all’ospedale Maria Paternò Arezzo. “Con l’occasione – aggiunge don Occhipinti – augureremo a tutti buon Natale con l’auspicio che possa essere sempre maggiore l’attenzione nei confronti di chi è malato e di chi soffre”. 

0

0

0

0

0

Ragusa
Natale
Pastorale della salute
Don giorgio occhipinti
Solidarietà
Commenti
Natale di solidarietà per la Pastorale della salute negli ospedali di Ragusa
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Ragusa, la prima volta della compagnia “Piccoli attori iblei”
News Successiva
Il presepe vivente di Monterosso Almo censito da Italive