Appuntamenti

Ragusa, Cgil indice incontro su lavoro

0

0

0

0

0

Ragusa, Cgil indice incontro su lavoro Ragusa, Cgil indice incontro su lavoro

Chiama di nuovo a raccolta disoccupati e istituzioni locali, la Camera del Lavoro di Ragusa, che ha indetto per le 17 di lunedì 24 novembre prossimo, presso l’hotel Kroma di via D’Annunzio 60, angolo via Carducci) un incontro

Chiama di nuovo a raccolta disoccupati e istituzioni locali, la Camera del Lavoro di Ragusa, che ha indetto per le 17 di lunedì 24 novembre prossimo, presso l’hotel Kroma di via D’Annunzio 60, angolo via Carducci) un incontro sulla parola d’ordine “Creiamo il lavoro, vinciamo la crisi”. Obiettivo dichiarato quello di rilanciare ad aggiornare la piattaforma rivendicativa per l’occupazione ed il welfare locale. Le proposte con cui la Cgil e la Camera del Lavoro cittadina si presenteranno al movimento dei disoccupati ragusani riguardano principalmente il potenziamento dei bandi lavoro, ovvero quelle attività lavorative regolarizzate per i cosiddetti indigenti finalizzate a servizi utili per la collettività come la guardiania e la custodia delle ville comunali e dei servizi igienici sia in città che a Marina, per cui, afferma il segretario della Camera del Lavoro, Nicola Colombo, si chiederà all’amministrazione comunale “di raddoppiare per il 2015 tali bandi dato che altri servizi utili per la collettività potranno essere individuati nel territorio, consentendo così ai cosiddetti indigenti di trovare una occupazione sia pure parziale e comunque tutelata dagli ammortizzatori sociali”. Da parte sua Michele Mililli, del direttivo provinciale della CGIL aggiunge che “occorre insistere sul servizio civico per i disoccupati che, già da quest' anno, è servito ad invertire la rotta rispetto al passato, cercando di dare piuttosto che una elargizione in denaro, un corrispettivo economico a centinaia di disoccupati che a loro volta hanno corrisposto alla comunità lavori di piccola manutenzione, scerbatura e decoro urbano”. Anche in questo caso interlocutori sono la Giunta comunale e il consiglio comunale a cui sarà proposto di implementare la specifica posta in bilancio già a partire dal redigendo bilancio di previsione 2015. Interviene infine il segretario generale Cgil, Giovanni Avola, puntando l’attenzione sui cantieri di servizio regionali che “grazie anche all'impegno costante e all'azione di stimolo e vigilanza da parte del sindacato, hanno visto l'avvio al lavoro di oltre 170 disoccupati, anche se rimane grande il numero degli iscritti all'apposita lista, vale a dire oltre 1000 ragusani che attendono una risposta in termini di occupazione e quindi di reddito vitale per loro e per le loro famiglie”, e a tal proposito la Cgil intende chiedere al Governo regionale che “i cantieri di servizio prevedano la possibilità di poter accedere ai benefici economici dell'indennità di disoccupazione avendo gli avviati al lavoro almeno 13 settimane di contributi”. All’incontro sarà presente l’assessore comunale ai servizi sociale, Salvo Martorana la cui intenzione è “fare tesoro, nel corso di questo momento importante di confronto, delle proposte del Sindacato per la qualificazione e la razionalizzazione degli interventi di assistenza, di solidarietà, di lavoro che il Comune di Ragusa continuerà a porre in essere”. In occasione dell’incontro pubblico di lunedì pomeriggio, infine, Cgil e Camera del lavoro insisteranno sulla creazione-potenziamento di una Carta Civica ( per buoni spesa, sconti alle casse, ridistribuzione di prodotti freschi commestibili ecc.) nonché sui cosiddetti Sconti di Fiscalità (differenziati e selettivi) sulle tasse comunali.

Daniele Distefano
 

0

0

0

0

0

Ragusa
Cgil
Incontro lavoro
Commenti
Ragusa, Cgil indice incontro su lavoro
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Don Ettore Todaro: un giovane sacerdote a Comiso
News Successiva
Ragusa, codice cooperativo fare impresa nel nuovo millennio