Blog: la Penna di...

Aggressione in azienda, lettera di scuse dei due dipendenti alla ditta Busso

0

0

0

0

0

Aggressione in azienda, lettera di scuse dei due dipendenti alla ditta Busso Aggressione in azienda, lettera di scuse dei due dipendenti alla ditta Busso

Gli episodi verificatisi il 2 ottobre scorso, in seno al cantiere di Ragusa della impresa ecologica Busso Sebastiano, che gestisce il servizio di igiene ambientale sul territorio cittadino, al centro di una lettera di scuse proveniente dai due dipendenti che si erano resi protagonisti dell’aggressione ai danni del responsabile aziendale Giuseppe Alderisi. Nella nota, inviata dal legale dei due, si legge, tra l’altro, che “facendo seguito ai chiarimenti e alle scuse già forniti in riferimento ai fatti in questione, dei quali si dichiarano profondamente rammaricati, con la presente formulano ufficialmente le più ampie e sentite scuse nei confronti dell’azienda datoriale e del suo legale rappresentante, Sebastiano Busso, nonché distintamente anche nei confronti del responsabile aziendale Giuseppe Alderisi e dei colleghi di lavoro. Al contempo, i sottoscritti, con manifesto animo resipisciente – è scritto ancora nella nota – dichiarano di impegnarsi a che non si ripetano fatti similari a quelli precedentemente verificatisi”. Oltre alla ditta, il documento è stato inviato, per conoscenza, anche alla Prefettura, al sindaco di Ragusa e agli organi di stampa. (FOTO DI REPERTORIO)

Per l’impresa ecologica
Maurizio Busso
 

0

0

0

0

0

Ditta
Busso
Aggressione
Lettera scuse
Dipendenti
Avvocati
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Aggressione in azienda, lettera di scuse dei due dipendenti alla ditta Busso
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Saranno risarciti dal Consorzio di Bonifica n.8
News Successiva
Da quel giorno l'Occidente potè sperare in un mondo più pacificato