Tecnologie

Arrivano i tatuaggi per ricaricare i telefonini

0

0

0

0

0

Arrivano i tatuaggi per ricaricare i telefonini Arrivano i tatuaggi per ricaricare i telefonini

Sudare in palestra potrebbe servire anche a ricaricare il telefonino: nuove biobatterie tatuate (in modo temporaneo) sul corpo sono in grado sia di monitorare i parametri vitali per produrre energia dall'acido lattico. Il dispositivo ideato da ricercatori dell'Università della California a San Diego e presentato in occasione del Convegno della Società Americana di Chimica (Acs), è in grado per ora di alimentare luci Led ma in futuro potrebbe ricaricare batterie. Il dispositivo è nato mettendo a punto un sensore da applicare sul corpo umano come un tatuaggio temporaneo per monitorare alcuni degli indicatori atletici durante gli esercizi fisici. Il sensore contiene un enzima che è in grado di 'strappare' elettroni dall'acido lattico prodotto dal corpo durante lo sforzo generando così una debole corrente. Testandolo su un gruppo di atleti i ricercatori sono riusciti a fare un passo in più, ossia usare queste cariche elettriche per alimentare delle piccole batterie. Il massimo quantitativo di energia prodotta da una persona è di 10 microWatt per centimetro quadrato di pelle, "non è un valore alto - ha spiegato Joseph Wang, responsabile dello studio - ma stiamo lavorando a migliorare il rendimento ed eventualmente poter dare energia a piccoli dispositivi elettronici". Oltre ad essere 'tatuato' questo tipo di dispositivi potrebbero essere inseriti all'interno di tessuti e tra alcuni anni, ha aggiutno Wang, potremmo forse ricaricare i cellulari semplicemente con il nostro 'sudore'. (Fonte: Joseph Wang)

0

0

0

0

0

Tatuaggi per ricaricare telefonini
Tatuaggi telefonini
Tatuaggi
Sudore tatuaggi ricarica telefonini
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Arrivano i tatuaggi per ricaricare i telefonini
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
E' arrivato iSelfie, il telecomando Bluetooth per smartphone
News Successiva
Nel 2015 arriva Ipad Pro