Appuntamenti

Comiso, lunedì sera il "Festival delle Rose"

0

0

0

0

0

Comiso, lunedì sera il "Festival delle Rose" Comiso, lunedì sera il "Festival delle Rose"

La festa in onore di San Biagio si conclude, a Comiso, con il Festival delle Rose. Corollario musicale, lunedì sera, con lo spettacolo organizzato in piazza Fonte Diana. Il Festival delle Rose è una rassegna canora amatoriale per

La festa in onore di San Biagio si conclude, a Comiso, con il Festival delle Rose. Corollario musicale, lunedì sera, con lo spettacolo organizzato in piazza Fonte Diana. Il Festival delle Rose è una rassegna canora amatoriale per bambini e ragazzi, che a Comiso venne organizzata per la prima volta nel 1976.
Non è mai decollata oltre i confini provinciali, ma ha avuto un pregio: quello di aver mantenuto, per quasi 40 anni, una tradizione che ha saputo coniugare innovazione e tradizione.
Lunedì sera in piazza Fonte Diana, la serata sarà presentata da Massimo Culmone e Francesca Montebello. Una serata speciale perché sul palco ci saranno alcuni ex concorrenti: hanno risposto all’appello degli organizzatori Nunziella Ombrini, Federica Bonifacio, Cettina Di Vita, Lorenza Degno, Nunzio Meli, Massimiliano Meli, Roberta Cassarino, Giulia Presti, Roberta Gulino, Morena Betta, Michela Marangio.
Al Festival delle Rose, partecipò anche suor Cristina Scuccia, vincitrice di “The Voice”. Ma Suor Cristina, lontana dal palcoscenico dopo aver vinto The Voice, ovviamente, non ci sarà.
 

0

0

0

0

0

Comiso
Festival delle rose
Suor cristina
Suor cristina scuccia
Massimo culmone
francesca montebello
Notizie a comiso
Ragusa
Commenti
Comiso, lunedì sera il "Festival delle Rose"
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Al castello di Donnafugata in scena “Sogno di una notte di mezza estate”
News Successiva
Milena Miconi e Francesca Nunzi aprono la “La Giara e il Gelsomino”