Appuntamenti

Festa di San Biagio a Comiso: fede, folklore e tradizione

0

0

0

0

0

Festa di San Biagio a Comiso: fede, folklore e tradizione Festa di San Biagio a Comiso: fede, folklore e tradizione

La festa di San Biagio a Comiso. Si celebra, come da tradizione, la seconda domenica di luglio. Così come accadeva per la vicina Vittoria, che celebrava la festa di San Giovanni la prima domenica di luglio, Comiso sceglieva i mesi estivi per

La festa di San Biagio a Comiso. Si celebra, come da tradizione, la seconda domenica di luglio. Così come accadeva per la vicina Vittoria, che celebrava la festa di San Giovanni la prima domenica di luglio, Comiso sceglieva i mesi estivi per la festa religiosa in onore del santo vescovo di Sebaste che, secondo la tradizione, salvò un bambino cui si era conficcata in gola una lisca di pesce e che fu martire della fede nmel periodo delle persecuzioni.
Il culto di San Biagio, molto diffuso nelle città del meridione (in Sicilia esiste la città di San Biagio Platani), si diffuse nel periodo in cui queste regioni erano legate all’Impero Romano d’Oriente e quindi alla chiesa bizantina.
Questo pomeriggio, la festa è iniziata con la tradizionale “raccolta del grano” per le vie della città. Nella cultura contadina, finito il lavoro dei campi e conclusa la raccolta del grano, si era soliti offrirne per onorare il patrono e collaborare all’organizzazione della festa. In serata, prima della messa, celebrata dal rettore della Chiesa, don Antonio Baionetta, avverrà la tradizionale “svelata” del simulacro. L’addobbo floreale è stato offerto dalla famiglia Nannaro (realizzato dalla ditta Fiorirà) e l’addobbo del simulacro è offerto da Fabjan Bejko.
Domani, nella chiesa si succede, per tutta la giornata, la celebrazione delle messe. Alle 11, la messa sarà presieduta dal vicario generale don Salvatore Puglisi. Alle 18, l’uscita del simulacro. Sulla scalinata sarà eseguito l’Inno a San Biagio, composto dal maestro Salvatore Schembari e diretto da Maria Lucia Faro. La processione è molto partecipata e seguita anche da numerosi fedeli a piedi scalzi. La sera, si conclude tutto con lo spettacolo piromusicale in piazza Fonte Diana.
La chiesa di San Biagio (normalmente chiusa ed aperta al culto solo la domenica) per tutto il mese di luglio è frequentatissima dai fedeli e le messe, anche settimanali, sono molto partecipate.
La festa di San Biagio segna anche , per i comisani, l’avvio delle vacanze estive. Il lunedì successivo alla festa è dedicata ad una sorta di “gita fuori porta” o al mare, come accade per il lunedì dell’Angelo. Una tradizione che ha altri paralleli, come il lunedì di San Giovanni a Vittoria o “u marti i l’Itria” a Modica.
 

0

0

0

0

0

San biagio comiso
Domenica di luglio
U marti i litria
San giovanni comiso
Chiesa don antonio baionetta
Commenti
Festa di San Biagio a Comiso: fede, folklore e tradizione
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
San Franciscuzzu di Scoglitti: il "santo" che viene dal mare
News Successiva
Al castello di Donnafugata in scena “Sogno di una notte di mezza estate”