Blog: la Penna di...

Stipendi manager siciliani, una manovra a misura dei cittadini

0

0

0

0

0

Stipendi manager siciliani, una manovra a misura dei cittadini Stipendi manager siciliani, una manovra a misura dei cittadini

Ebbene sì,la manovra, riguardante la riduzione degli stipendi dei manager regionali, è passata. L’abbattimento riguarda un congruo numero di manager, che si trovano anche a ricoprire due o tre incarichi. Quanta iniquità in Sicilia come in Italia. Il tetto massimo è 160 mila euro l’anno,non bruscolini, ma se paragonati ai 240 mila di qualcuno, capiamo che il fatto non è irrilevante.
Come previsto dall'articolo 13 della manovrina appare operativa fin dal primo luglio prossimo, o se, come in molti hanno sottolineato, questa possa invece essere applicata solo in sede di rinnovo contrattuale. Solo nl quel caso, insomma, potrebbe essere applicato il nuovo limite. Ma dagli uffici della Regione fanno sapere, pur in attesa delle circolari applicative.

“A catena, la riduzione dei compensi dei regionali riguarderà come detto i direttori generali delle società partecipate o a vario titolo controllate dalla Regione. Al limite massimo di 160 mila euro dovranno attenersi anche questi manager. Alcuni di loro (è il caso ad esempio del direttore dell'Arpa Licata di Baucina, di quello dell'Irsap Francesco Barbera), al momento guadagnano cifre che oscillano tra i 210 e i 240 mila euro.

La norma, si ricorderà, era stata molto discussa all'Ars. Dove alcuni deputati avevano sollevato un problema di “incostituzionalità”. Sottolineato anche dal presidente dell'Assemblea Ardizzone che aveva rimandato all'articolo 14 dello Statuto speciale. Un articolo che, di fatto, affida all'Ars la competenza esclusiva sullo stato giuridico ed economico dei dipendenti regionali.

Un “rischio di incostituzionalità” aggirato dai tecnici di Palazzo d'Orleans, limitando gli effetti del “tetto” a un triennio. Il limite introdotto, quindi, non è sine die. Ma la scelta di limitare la riduzione al triennio ha ancorato la norma ai principi di salvaguardia della finanza pubblica. Una norma, insomma, necessaria alla riduzione della spesa. Che non viola i principi cui aveva fatto riferimento Ardizzone e anche molti deputati.

Così, col via libera del Commissario dello Stato, si "infrange" un vecchio tabù. Quello dell'intangibilità degli stipendi dei regionali. Ma soprattutto, arriva una boccata d'ossigeno a migliaia di lavoratori (Forestali, Esa, Eas, Teatri, enti collegati alla Regione) che attendevano da tempo, dopo l'impugnativa-choc alla Finanziariaria dello stesso Commissario Aronica che oggi ha lasciato passare quasi intatto il ddl .

E il presidente Crocetta può esultare. “La manovra salva stipendi – ha detto il governatore - è stata giudicata legittima da parte del commissario dello Stato togliendo dal campo una serie di polemiche che hanno portato al ritardo inspiegabile di approvazione di una legge necessaria per i lavoratori e per i comuni. Anche le parti che più erano state messe in discussione, - continua il presidente - come quelli dei fondi ai comuni, ai forestali e al Ciapi sono state dichiarate legittime dal commissario dello Stato. Questo dà ragione a chi come me voleva una manovra più ampia che coprisse gli stipendi, le spese per i teatri, per le associazioni per la legalità, già in questa manovra per tutto l'anno. Comunque, ritengo che non sia il momento di fare polemica, ma quello di costruire un percorso unitario che porti avanti lo sviluppo della Regione. Il governo sta già lavorando per la manovra finanziaria bis definitiva e nel giro di pochi giorni sarà in grado di inviarla al Parlamento, per chiudere definitivamente una storia di scontri che sono stati pagati solo dal popolo siciliano e in particolare dai lavoratori, dal mondo della cultura e dell'associazionismo sociale. Già questa sera mi confronterò con l'assessore al Bilancio – aggiunge Crocetta - per definire alcune questioni, ma i principi base della finanziaria bis saranno quelli di continuare la politica di risanamento che ha portato nel 2013 a un attivo di bilancio di 400 milioni e alla riduzione del buco di bilancio da un miliardo a 250 milioni, senza massacro sociale, promuovendo le politiche di sviluppo delle imprese e la solidarietà nei confronti dei deboli. Fondamentale sarà l'istituzione nella nuova manovra, del fondo rischi per i residui attivi, per dare certezza ai conti della Regione. Intanto con la conferma del commissario dello Stato, dopo l'approvazione del patto di stabilità da parte del Ministero dell'Economia, sono state sconfitte le idee catastrofiste dei profeti di sciagure che lavorano per delegittimare il sistema democratico, non accettando il risultato delle elezioni che hanno eletto un presidente voluto dal popolo. I risultati della nostra azione sono chiari e noi siamo fiduciosi sia sulla ripresa economica e finanziaria della Regione sia su quella di un rasserenamento del confronto politico all'interno della maggioranza e con l'intero Parlamento. Avevamo ragione – conclude Crocetta - e spero che qualcuno lo riconosca”. Così scrive il giornalista su live Sicilia.
Alcuni commenti sono necessari, sia il fatto in sé, la riduzione,che diventa un’equità sociale,anche se tetti di 160mila euro sono sempre esosi e discutibili, soprattutto in un momento di grande crisi come la nostra. Diciamo anche che stesse regole potrebbero essere applicate agli stipendi d’oro dei politici, alle pensioni d’oro, ai vitalizi ,agli Enti inutili e così via.
Se la politica capisse ,e i politici, che la riduzione equivarrebbe a credibilità da parte della gente,oggi,scollata dalla politica,anche per questo fattore, le cose andrebbero diversamente. L’esempio dovrebbe venire proprio dalla politica,intendiamo i tagli, e poi gli altri, ma si tende a far gravare sulle persone la crisi, e questo è negativo.
Rosanna Bocchieri
 

0

0

0

0

0

Rosanna bocchieri
Ars rosanna bocchieri
Stipendi regionali ars
Stipendi regionali siciliani
Rosario crocetta sicilia
Commenti
Stipendi manager siciliani, una manovra a misura dei cittadini
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Stop alle stragi stradali
News Successiva
La città di Vittoria saluta Carmelo Albani, il meccanico amico!