Tecnologie

Arriva il materiale che si auto ripara

0

0

0

0

0

Arriva il materiale che si auto ripara Arriva il materiale che si auto ripara

Arriva il materiale che si auto ripara. Non è fantascienza, ma per la prima volta un materiale lacerato da qualcosa che l'ha attraversato con la velocità di un proiettile, lasciando un foro di tre centimetri, si è riparato da solo fino a tornare come nuovo. E' accaduto nei laboratori dell'università dell'Illinois. Il risultato, pubblicato sulla rivista Science, si è ispirato alla biologia ed ha imitato la rete dei vasi sanguigni. "Mentre i biologi puntano a rigenerare i tessuti sfruttando la vascolarizzazione e alle cellule staminali gli ingegneri dei materiali non hanno a disposizione queste possibilità", scrivono gli autori della ricerca coordinati da Scott White, del dipartimento di Ingegneria Aerospaziale dell'università dell'Illinois. In questa stessa università sono stati ottenuti nel 2011 i primi materiali capaci di auto-ripararsi. Ma allora erano fatti di piccole unità, microcapsule dal diametro di 10 millesimi di millimetro.

Adesso, quando il materiale viene lacerato, i liquidi fuoriescono dai capillari e, mescolandosi, formano un gel che solidificandosi ripara il materiale. Con il primo esperimento i ricercatori hanno danneggiato il materiale, provocando un foro dal diametro di tre centimetri e mezzo. Di conseguenza la rete dei capillari è stata lacerata, i liquidi sono fuoriusciti trasformandosi in un gel che in 20 minuti ha richiuso completamente il foro. Il materiale è tornato all'apparenza come nuovo, anche se ha recuperato fino al 62% della robustezza originale. Il risultato supera di 100 volte quanto sanno fare i materiali che si auto-riparano oggi esistenti. (Fonte Agenzia)

0

0

0

0

0

Materiale auto ripara
Studio materiale auto ripara
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Arriva il materiale che si auto ripara
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Da domani patentino per guidare i droni
News Successiva
Encore 2, i nuovi tablet Toshiba