Blog: la Penna di...

Le amare verità dell'Italia

0

0

0

0

0

Le amare verità dell'Italia Le amare verità dell'Italia

Il nostro è diventato sempre più un paese del quale i governanti o sedicenti tali possono farne ciò che vogliono. La colpa principale è certamente di chi occupa i palazzi del potere e della delega di rappresentanza assegnata in bianco con una croce ne fa quotidiano abuso. Ma è anche degli italiani, che anziché seguire le vicende che li riguardano e che determinano il loro presente e futuro, preferiscono seguire le telenovele, “uomini e donne” e “il grande fratello” che opportunamente andrebbe intitolato il “grande bordello”, data la volgarità che lo caratterizza. La furbizia della casta consiste nell’avere individuato questa nostra indisponibilità alla conoscenza delle cose serie e su questa nostra defaillance ci ha fatto la propria fortuna. Quei pochi italiani che ancora si sforzano di capire in quali mani risiede il proprio destino, sanno che questo paese non ha reali possibilità di tirarsi fuori dal drammatico risultato di ruberie ventennali ed iniquità sociali che continuano all’insaputa dei più. Il fisco italiano conosce per nome e cognome oltre 500 contribuenti che dichiarano meno di 20 mila euro l’anno ma possiedono un jet privato. Eppure non li fa arrestare! Questi evasori provocano ogni anno un buco di 180 miliardi nel bilancio dello Stato. Con i dati di cui il fisco italiano dispone potrebbe stanarli subito, costringendoli a restituire quanto hanno rubato alla collettività, ponendosi nella condizione di abbassare la pressione fiscale sui contribuenti onesti. L’evasione è il cancro della nostra economia. Ma basta passare in rassegna le leggi che dovrebbero combatterla per capire che la lotta a questo fenomeno che non ha pari in altri paesi è solo una farsa. Il sistema è congegnato proprio per consentire ai contribuenti infedeli di non rischiare nulla perché i ladri di tasse sono anche elettori e votano compatti come nessun’altra categoria. Perciò sono protetti da una potentissima lobby politica che ha il suo zoccolo duro nel centrodestra ed ultimamente si è spostato anche nel movimento 5 stelle. Ciò non vuol dire che gli altri partiti siano da proporre alla beatificazione per comportamenti etici che in verità non esistono. Il governo in carica sembrerebbe orientato(il condizionale è d’obbligo) ad una maggiore equità sociale e a non consentire ulteriormente le tante assurdità del passato, ma nella misura in cui non prevedesse di combattere seriamente il problema dell’evasione fiscale, molto presente tra gli amici che contano, questo paese davvero non avrebbe futuro e tutti gli altri provvedimenti adottati e che lo saranno nel resto della legislatura, saranno solo pannicelli caldi che non curano la vera piaga di questo Stato e che costringerebbero i comuni mortali della nostra penisola a restare anche in futuro “ ccu ‘npani menu ru mienzi”. 

0

0

0

0

0

Giombattista ballarò
Ballarò
Ragusa
Modica
Titta ballarò
Commenti
Le amare verità dell'Italia
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
La provincia “babba” cambia volto
News Successiva
Marcello Capra : Un'alchimia di chitarre ... per una Musica senza confini!