Appuntamenti

Percorsi di letteratura iblea al sabato letterario del Caffè Quasimodo

0

0

0

0

0

Percorsi di letteratura iblea al sabato letterario del Caffè Quasimodo Percorsi di letteratura iblea al sabato letterario del Caffè Quasimodo

“Percorsi di letteratura iblea dal ‘700 al ‘900”: è questo il tema del sabato letterario del Caffè Quasimodo di Modica, che si terrà alle ore 17,30 al Palazzo della Cultura il prossimo 25 gennaio nel

“Percorsi di letteratura iblea dal ‘700 al ‘900”: è questo il tema del sabato letterario del Caffè Quasimodo di Modica, che si terrà alle ore 17,30 al Palazzo della Cultura il prossimo 25 gennaio nel quadro della stagione culturale 2013-2014. Un appuntamento culturale che  offrirà al pubblico un viaggio all’interno della poetica e del pensiero di autori iblei vissuti tra il ‘700 e il ‘900: Carlo Amore, Serafino Amabile Guastella, Giuseppe Bonafede, Enrico Cavacchioli, Raffaele Poidomani, Meno Assenza, Nannino Ragusa, Carmelo Conti e Altri…...

A leggere i testi degli autori sarà l’attore Giorgio Sparacino, mentre Giada Ragusa e Grazia Dormiente ne introdurranno il pensiero e le caratteristiche essenziali.

“Questo appuntamento – spiega Domenico Pisana, Presidente del Caffè Letterario Quasimodo -  si configura come viaggio all’interno delle migliori espressioni della letteratura iblea, sia in poesia che in prosa. I temi letterari di questi autori non solo  rappresentano uno spaccato culturale della  società del loro tempo, ma permettono di determinare un processo di ricongiungimento tra il passato e il presente. Bonafede,(nella foto) che  era il figlio naturale di Serafino Amabile Guastella,  ci ha lasciato – prosegue Pisana - un interessantissimo  poemetto dal titolo “Li Tassi” che parla delle tasse e della pressione fiscale, e che davvero parrebbe scritto in questi giorni.  Interessante anche le tematiche che offre Enrico Cavacchioli,(nella foto)  scrittore pozzallese del 1885 che  esordì come poeta futurista (Le ranocchie turchine, 1908 ) e che fu tra gli autori più in vista del ‘teatro del grottesco’. E ancora – conclude Pisana - Carlo Amore,  il quale essendo rimasto claudicante dopo il grave male che lo colpì all’età di quattro anni, venne dai suoi contemporanei e dai posteri definito, in modo simpatico, “u zuoppu Amuri. Un poeta, Amore, i cui versi  toccano temi come la felicità umana, il matrimonio di circostanza, i drammatici avvenimenti dell’alluvione che colpì Modica, la bellezza della campagna e, infine, l’educazione”.

Insomma, tanti temi di diversi autori iblei per una serata che si annuncia interessante e che  sarà arricchita dalle musiche del Duo Paganitango, composto dal M° Lino Gatto alla chitarra, e dal M° Daniele Ricca al violino, i quali accompagneranno  le letture che proporrà Giorgio Sparacino . 

0

0

0

0

0

Sabato
Letterario
Caffè
Quasimodo
Modica
Commenti
Percorsi di letteratura iblea al sabato letterario del Caffè Quasimodo
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
"Slow Sicilian Food" al Fruit Logistica di Berlino
News Successiva
Laboratorio di lettura a voce alta con Carlo Cartier