Warning: DOMDocument::loadHTML(): Tag o:p invalid in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.quotidianodiragusa.it/home/dettagli.php on line 211

Warning: DOMDocument::loadHTML(): Tag o:p invalid in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.quotidianodiragusa.it/home/dettagli.php on line 211

Warning: DOMDocument::loadHTML(): Tag o:p invalid in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.quotidianodiragusa.it/home/dettagli.php on line 211

Warning: DOMDocument::loadHTML(): Tag o:p invalid in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.quotidianodiragusa.it/home/dettagli.php on line 211

Warning: DOMDocument::loadHTML(): Tag o:p invalid in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.quotidianodiragusa.it/home/dettagli.php on line 211

Warning: DOMDocument::loadHTML(): Tag o:p invalid in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.quotidianodiragusa.it/home/dettagli.php on line 211

Warning: DOMDocument::loadHTML(): Tag o:p invalid in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.quotidianodiragusa.it/home/dettagli.php on line 211

Warning: DOMDocument::loadHTML(): Tag o:p invalid in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.quotidianodiragusa.it/home/dettagli.php on line 211

Warning: DOMDocument::loadHTML(): Tag o:p invalid in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.quotidianodiragusa.it/home/dettagli.php on line 211

Warning: DOMDocument::loadHTML(): Tag o:p invalid in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.quotidianodiragusa.it/home/dettagli.php on line 211

Warning: DOMDocument::loadHTML(): Tag o:p invalid in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.quotidianodiragusa.it/home/dettagli.php on line 211

Warning: DOMDocument::loadHTML(): Tag o:p invalid in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.quotidianodiragusa.it/home/dettagli.php on line 211

Warning: DOMDocument::loadHTML(): Tag o:p invalid in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.quotidianodiragusa.it/home/dettagli.php on line 211

Warning: DOMDocument::loadHTML(): Tag o:p invalid in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.quotidianodiragusa.it/home/dettagli.php on line 211

Warning: DOMDocument::loadHTML(): Tag o:p invalid in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.quotidianodiragusa.it/home/dettagli.php on line 211
Demolire il teatro della Concordia o demolire gli alibi? - Quotidiano di Ragusa
Blog: la Penna di...

Demolire il teatro della Concordia o demolire gli alibi?

0

0

0

0

0

Demolire il teatro della Concordia o demolire gli alibi? Demolire il teatro della Concordia o demolire gli alibi?

Alla conferenza stampa alla Provincia Regionale di Ragusa,che dava il lancio alla raccolta delle Firme Pro Concordia,che inizierà  giorno 10 gennaio all'Ipercoop di Ragusa, dalle ore 16,30 alle 20,30 con i giovani studenti delle secondarie Superiori e la rete civica,costituitasi il 5 dicembre e il 17 dicembre, e in tutti i luoghi deputati alla cultura,nelle manifestazioni ragusane, e tra il mondo intellettuale regionale e nazionale, due punti sono stati,uno inerente la rete che ha lavorato per la trasparenza economica e tecnica ,per il bene comune e per Ragusa,che non è una torta da spartire tra le parti dentro un Palazzo ,come quello comunale,ma appartiene ai ragusani ,alla memoria di una città; il secondo è la nota tecnica dell'architetto Aldo Baldo, che ha realizzato il Progetto definitivo del Concordia, che,al momento deve diventare esecutivo con relativa gara d'appalto, se non viene ancora una volta bloccato dall'Amministrazione Comunale di Ragusa alla realizzazione.

La problematica economica al momento è stata convertita in  tecnica,come risulta nella nota,che accludiamo dell'architetto Aldo Baldo,inviata,ieri sera via email,  con la quale il professionista risponde alle obiezioni dell'ing .DiMartino, Assessore del Comune di Ragusa, sul  restauro e recupero funzionale a teatro comunale dell’ex Cinema Marino, già Teatro la Concordia.  Così scrive:

" In seguito a quanto pubblicato nell’edizione del 06 gennaio 2014 sul Giornale La Sicilia si fanno presenti le seguenti note:

Il progetto prevede soprattutto il recupero dell’attività teatrale.

E’ stato ampliato il palcoscenico con uno spazio utile di dimensioni ml. 10,00x10,00x10,00h. in modo da risultare più agevole dietro le quinte e consentire anche di potere ospitare compagnie teatrali facenti parte di circuiti internazionali;

L’ampliamento del palcoscenico prevede anche la realizzazione della cosiddetta torre scenica, costituita dal piano palco, avente pavimentazione in tavolato di abete e dal piano graticcio su cui potranno essere sospesi il sipario motorizzato, le diverse inquadrature, rivestite con le mute di palco, posizionate a profondità variabile, nonchè le americane necessarie per collocarvi le luci ed i proiettori per la scena;

L’eliminazione della buca per l’orchestra scaturisce dalla necessità di ampliare il palco. Non viene riproposta in quanto implicherebbe una ulteriore riduzione del numero dei posti destinati al pubblico e da sola non consentirebbe assolutamente la rappresentazione di opere liriche. Occorrerebbero interventi sostanziali, legati agli opportuni notevoli spazi da destinare all’orchestra e alla preparazione delle maestose scenografie. (vedi i recenti interventi alla Scala

0

0

0

0

0

Ragusa
Teatro
Concordia
Rosanna
Bocchieri
Commenti
Demolire il teatro della Concordia o demolire gli alibi?
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Giovani al posto dei vecchi o onesti al posto di chi non lo è?
News Successiva
A lezione di democrazia