Appuntamenti

Oltre cento figuranti nel presepe vivente di Giarratana

0

0

0

0

0

Oltre cento figuranti nel presepe vivente di Giarratana Oltre cento figuranti nel presepe vivente di Giarratana

Oltre cento figuranti. Una cura quasi maniacale per i dettagli. Una ricostruzione storica perfetta sotto tutti i punti di vista. Un sito paesaggisticamente affascinante che, non a caso, viene definito “museo a cielo aperto”. E’ una cornice suggestiva quella che farà da sfondo alla rappresentazione del presepe vivente di Giarratana che andrà in scena, per la prima volta, giovedì 26 dicembre. L’edizione 2013 sarà la numero 24. Il presepe vivente sarà replicato domenica 29 dicembre, mercoledì 1 gennaio e domenica 5 gennaio. Il raduno in piazza Municipio, a partire dalle 18, dove, tra l’altro, anche quest’anno ci sarà la gradita sorpresa, per i buongustai e non solo, della sagra della porchetta e della degustazione di prodotti tipici. Una novità che ha riscosso grandissimo interesse già lo scorso anno come testimoniato dal notevole afflusso di gente che, calate le ombre della sera, si è riversata in massa nello spazio antistante il palazzo di Città. E poi, dopo essersi rifocillati, i visitatori si sono avventurati nella parte alta del centro montano, il cosiddetto “Cuozzu”, l’antico quartiere di Giarratana, per vivere da vicino un’esperienza irripetibile, tuffandosi nel passato. Con le fiaccole a delimitare il percorso, il “Cuozzu”, grazie alle antiche casette disseminate ovunque, si rivelerà un vero e proprio scrigno di sorprese per chi intende cercare di scoprire che cosa significava, un tempo, fare parte integrante di una comunità. E così la ricostruzione degli antichi mestieri è stata curata sotto tutti i punti di vista. Sarà possibile ammirare il fabbro, il falegname, il contadino, ma anche chi prepara la pasta, chi seleziona il grano e chi realizza i cesti con le liane. E, ancora, la cena di un tempo, gli avventori all’osteria e, come se non bastasse, i venditori di frutta e chi ha deciso di dedicare una parte della propria giornata al ferro da stiro e al cucito. Non manca, ovviamente, la sala da barba degli anni Cinquanta e chi si occupa di badare agli animali da cortile. Una ricostruzione attenta, sapientemente dosata, in grado di suscitare l’attenzione dei numerosi visitatori.

“Ci stiamo lavorando, assieme a tutti i componenti del nostro gruppo, con grande attenzione – affermano il presidente dell’associazione Giuseppe Giaquinta e il vice Rosario Linguanti – perché vogliamo mantenere inalterata la qualità della rappresentazione che nel corso degli anni ha saputo ritagliarsi un meritato spazio. Sappiamo che saranno numerosi quanti verranno a trovarci e ci teniamo, dunque, a fare bella figura”. L’iniziativa è sostenuta dall’Amministrazione comunale e da numerosi sponsor. Inoltre, immancabile, tornerà il mercatino di Natale, alla seconda edizione, che, nei locali di palazzo Barone, non mancherà di attirare, a sua volta, l’attenzione dei turisti e di quanti intendono ammirare le fattezze e la ricostruzione di un presepe dal grande fascino. Ci sarà pure l’opportunità per i gruppi organizzati di fruire di pacchetti “all inclusive”. Basterà rivolgersi all’agenzia “Marrikriu Viaggi” di via De Gasperi, numero telefonico 0932.975347. La biglietteria sarà aperta dalle 16 alle 21 nelle giornate in cui si terrà il presepe. Il presepe vivente di Giarratana è in programma, a partire dalle 18. Un gustoso antipasto è in programma per la notte di Natale, subito dopo la Veglia del 24, a mezzanotte e mezza, con la fiaccolata che dalla chiesa madre si sposterà alla Grotta della natività. Per informazioni è possibile consultare i siti internet www.presepegiarratana.it oppure www.gliamicirocuozzu.it

0

0

0

0

0

Giarratana
Presepe
Vivente
Commenti
Oltre cento figuranti nel presepe vivente di Giarratana
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
La magia delle zampogne per l'inaugurazione della mostra di palazzo Zacco
News Successiva
Domani all'ospedale “Civile” di Ragusa consegna dei doni natalizi