Blog: la Penna di...

E venne il giorno dei limoni neri!

0

0

0

0

0

E venne il giorno dei limoni neri! E venne il giorno dei limoni neri!

Ho atteso con curioso interesse questo mercoledi 27 novembre per conoscere il verdetto che il Senato avrebbe pronunciato per il senatore Silvio Berlusconi, perché dal voto sulla decadenza del leader della rinata forza italia, già deliberata dalla giunta delle elezioni, si sarebbe capito se fosse ancora legittimo per i comuni cittadini sperare che da qui in avanti chi ci rappresenta a livello istituzionale potesse davvero dare un taglio a tutte le nefandezze commesse dalla classe politica e cominciare ad onorare la Costituzione italiana.

Oggi, si trattava di dare concreta osservanza all’art. 3 della nostra Costituzione che appunto recita : i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge.

Trovo assolutamente normale e civile che sia prevalso il voto per la decadenza di Berlusconi e non perché il Cavaliere mi sia antipatico(anzi spesso le sue barzellette mi hanno fatto sorridere) o non condivida la sua linea politica(non apprezzo neanche quella dei suoi avversari),bensì perché non avendo mai creduto alla favoletta della magistratura politicizzata, alle sentenze politiche,alle persecuzioni personali, partendo dall’assunto che chi commette un reato debba espiare la pena inflittagli in sede processuale,ritengo che anche per lui debbano valere le stesse regole del più illustre degli sconosciuti e, a prescindere dai  meriti o demeriti per il ventennio che lo ha visto protagonista politico,oggi un voto diverso da quello che conosciamo  sarebbe stato un gravissimo schiaffo alla democrazia, una grazia per via politica che avrebbe indignato le persone oneste e di buonsenso.,

L’esatto contrario di quello che sostengono il cavaliere e tutti i suoi simpatizzanti i quali affermano che oggi sia stata una giornata buia per la democrazia e la libertà.

Di quale democrazia e libertà si parla ? Sarebbe democratico graziare chi ha commesso un reato grave moralmente e con pesanti ricadute sul paese ? Sarebbe libertà far sedere un uomo reo di certi reati dentro il Senato della Repubblica ?

E mentre capisco l’atteggiamento di quanti fanno finta di credere a tutte le storie che racconta il loro capo perché è difficile scendere da un carro che ha concesso” grandi viaggi”, non comprendo l’ex senatore Berlusconi che si ostina a fare la voce grossa, tra un insulto ed una promessa di continuare  la propria battaglia, come se in cuor suo si ritenesse  davvero vittima di tanta ingiustizia.

Oggi, sebbene convinto che Berlusconi continuerà a fare politica, sono contento che non mi rappresenti in seno alle Istituzioni, perché tante disgrazie dell’Italia in sede europea sono anche conseguenti alla discutibile immagine che nell’ultimo ventennio ci siamo procurati, ma soprattutto perché voglio continuare a sognare che chi mi deve rappresentare debba essere non dico cristallino, perché rimarrei sicuramente deluso, ma almeno non condannato in via definitiva per reati che un governante non dovrebbe nemmeno pensare di commettere

0

0

0

0

0

Venne
Giorno
Limoni
Neri
Articolo di

Commenti
E venne il giorno dei limoni neri!
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Anche le “penne” più prestigiose a volte scrivono male!
News Successiva
I vecchi e i giovani