Blog: la Penna di...

E se i matrimoni civili li celebrassimo negli agriturismo?

0

0

0

0

0

E se i matrimoni civili li celebrassimo negli agriturismo? E se i matrimoni civili li celebrassimo negli agriturismo?

Da sempre, ma soprattutto da quando la politica manca di progettualità e d’idee volte al reale interesse dei cittadini, ad ogni nuova elezione, ci hanno abituati a cambiamenti che dessero un segnale tangibile che nuove intelligenze politiche hanno occupato il Palazzo e che si sono rese necessari alcuni cambiamenti rispetto al passato, a dimostrazione implicita che i predecessori non hanno operato bene o hanno deliberato scelte sbagliate. Fino ad oggi tuttavia avevamo assistito alle solite rimodulazioni della circolazione cittadina con puntuali inversioni di qualche divieto di accesso e non sempre perché fosse sbagliato l’esistente quanto perché qualcosa comunque bisogna cambiare altrimenti mancano gli elementi della discontinuità col passato. Altro tema ricorrente d’ogni nuova Giunta è la critica al precedente piano finanziario dell’Ente e conseguente pianificazione del nuovo, diverso e sempre più rigoroso del precedente, salvo poi rivelarsi alla lunga uguale se non peggiore di quello tanto criticato. In questi giorni a Modica, la nuova Giunta Abbate, invertito qualche senso unico, criticato come da copione il precedente operato, avendo bisogno che la città  parlasse di qualcosa di veramente originale, ha deliberato che i matrimoni civili da qui in avanti, alla “modica” spesa di 500 euro, si potessero celebrare all’interno del teatro Garibaldi piuttosto che nel gabinetto del Sindaco. Far passare la lungimirante trovata per un modo innovativo di sposare col rito civile, occultando la matrice di batter cassa, non mi sembra molto originale, né rispettoso delle nozze che, ancorchè non celebrate in Chiesa, dovrebbero rimanere un fatto importante nella vita delle persone. Il teatro lasciamolo agli artisti ed ai loro fruitori; è giusto che i matrimoni siano celebrati in Chiesa o in Comune. Non sbizzarriamoci con progetti irrispettosi delle tradizioni, altrimenti prima o poi ci si sposerà in qualche masseria con la benedizione del contadino proprietario del fondo e gli applausi dei mezzadri presenti. Giombattista Ballarò

0

0

0

0

0

Matrimoni
Civili
Celebrassimo
Agriturismo
Commenti
E se i matrimoni civili li celebrassimo negli agriturismo?
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Verso una nuova tecnologia della donna?
News Successiva
La società in cui viviamo può ancora definirsi civile?