Blog: la Penna di...

Il Partito Democratico lontano dal cambiamento

0

0

0

0

0

Il Partito Democratico lontano dal cambiamento Il Partito Democratico lontano dal cambiamento

Le regole della democrazia non sono del Pd, come di altri partiti. Non vogliamo entrare nelle case altrui, ma la posizione del Pd e di Epifani di escludere Rosario Crocetta e il Megafono dal Pd , ci sembra inopportuno e poco democratico, diciamo di sistemi stalinisti, come afferma Crocetta. Questo ci fa capire quanto sia lontano dal cambiamento e dal rinnovamento il Pd che vanta tanto la democrazia. Ecco come le parole di Crocetta risultano veritiere, critiche e condivisibili, e quanto il Pd  sia lontano dall’auspicato cambiamento. “Non possiamo accettare l'idea che un grande Partito Democratico chiuda le porte al cambiamento e al rinnovamento. Lo svolgimento del congresso regionale del Pd, sulla base del vecchio tesseramento, cristallizzerebbe i giochi di sempre e impedirebbe l'elezione di nuovi quadri giovani alla leadership del partito e soprattutto determinerebbe il gruppo dirigente formato da coloro che oggi magari potrebbero far finta di auto sospendersi dal partito ma che di fatto lo controllano. Il Pd nazionale deve rendersi conto dell'anomalia siciliana. Se da iscritto del Pd, contrariamente a quanto concordato fin dall'inizio col Pd regionale, io non potessi fare parte del gruppo che porta il mio nome nella lista, sarebbe un gioco autoritario e antidemocratico e persino sleale in contrasto a quanto precedentemente convenuto. E la smettano con la farsa del mancato contributo, potrei presentare la lista dei debiti elettorali rimasti sul mio groppone ma non lo faccio, non ho nessun legame coi soldi, verserò quel contributo per impedire azioni staliniste, che hanno sempre utilizzato per far fuori i dissidenti. In quanto iscritto alla lista Crocetta dovrei versare contributo a quella lista, ma di questo non ce ne facciamo un cruccio, verserò contributo anche a loro entro 24 ore. Non ho dato mai alcuna importanza ai soldi anche se devo dire che tale richiesta non era mai stata fatta nella mia adesione concordata col partito al gruppo del Megafono, facendo notare che sicuramente non sarà questa la ragione di censura nei miei confronti. Ma del resto nessuno può impedire al Megafono di organizzarsi, di fare la propria battaglia, di contribuire al rinnovamento della vita politica siciliana. Il Partito Democratico deve decidere se tale battaglia si può fare al proprio interno o se il Megafono deve diventare una forza politica autonoma. Decida Epifani, ma il Megafono non molla, non tace e sopratutto non si delegittima il rappresentante del popolo siciliano, eletto dai siciliani. Non consentirò a nessuno di umiliare la Sicilia e i colori della sua bandiera. Ancora una volta la Sicilia risulta incomprensibile a Roma e ancora una volta si continuano a fare gli errori di sempre. Non mi piegherò”. Come nel Pd, si notano anche in altri partiti, come l’UDC, ad esempio, atteggiamenti antidemocratici con le epurazioni messe in atto, l’esclusione di dirigenti e le lettere di sospensione senza  motivazioni. Ma la democrazia è un optional dentro i partiti? Rosanna Bocchieri  

0

0

0

0

0

Partito
Democratico
Lontano
Cambiamento
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Il Partito Democratico lontano dal cambiamento
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
A promettere son tutti bravi, poi si scopre che son tutti uguali
News Successiva
Attenti al solleone! Liberi consorzi? Scuola aperta a settembre?