Blog: la Penna di...

Il senso di quella democrazia della quale i comuni mortali cercano la reale esistenza

0

0

0

0

0

Il senso di quella democrazia della quale i comuni mortali cercano la reale esistenza Il senso di quella democrazia della quale i comuni mortali cercano la reale esistenza

Da ragazzo ho imparato che democrazia vuol dire governo del popolo. Più vado avanti negli anni e più in me diviene grande il sospetto che qualcuno al riguardo mi abbia mentito o io abbia frainteso o altri abbiano un concetto di democrazia che non corrisponde a chi ha voluto definire etimologicamente il termine. Propendo per l’ultima ipotesi ! Oggi, sono stati sospesi i lavori del Parlamento perché una parte dei rappresentanti(mi rifiuto di chiamarli onorevoli, in ossequio al significato etimologico del termine) potesse in forma eclatante manifestare il dissenso verso la sentenza della Corte d’Appello che condanna Silvio Berlusconi , tra l’altro , a non poter ricoprire cariche pubbliche per un anno e a dover scontare, verosimilmente in una delle sue ville, un anno di detenzione domiciliare o di fare bella presenza in qualche istituto che si occupa di servizi sociali. E’ tremendo , grida il popolo della libertà che presto tornerà a chiamarsi Forza Italia, sempre che da qui ad allora ne sia rimasta ancora una. Il  leader di uno dei due maggiori partiti nazionali, trattato dalle toghe comuniste come un delinquente. Bisogna reagire in maniera forte. Sono d’accordo, sarebbe necessario che una parte d’italiani vi cacciasse a pedate fuori da questo Paese per tutto il male che avete procurato loro negli ultimi 20 anni; sarebbe corretto, se davvero si volesse   parlare di democrazia, che vi tornasse alla mente cosa significa; mi piacerebbe che nessuno, nemmeno il più ricco e potente del Paese si potesse sentire legittimato a farne di cotte e di crude ed avere la spudoratezza di ritenersi perseguitato dalla Magistratura; mi piacerebbe che gli altri politici, non fingessero al punto da sembrare per opportunismo convinti che davvero esistano vittime della Giustizia sol perché di diversa ideologia di chi li condanna; mi piacerebbe  che le sentenze venissero rispettate anche quando riguardano uomini potenti e non poveri disgraziati; insomma, mi piacerebbe che chi rappresenta un Paese, mostrasse un po’ di educazione civica oltre che di comune educazione, dato che sento sproloquiare molti di questi signori con un linguaggio che è più in uso a certi operatori portuali e del facchinaggio che a chi pretende d’essere chiamato onorevole. Voi di onorevole , etimologicamente parlando, avete davvero molto poco, anzi , avete il merito di aver messo alla berlina in Europa un Paese che fu una delle maggiori potenze mondiali. Siete pertanto disonorevoli ! Ma questi signori (si fa per dire) che bloccano i lavori parlamentari per manifestare la solidarietà al loro leader, si sono mai chiesti se i reati che i Giudici gli ascrivono sono realmente stati commessi o frutto della diabolica fantasia di qualche togato schizofrenico? Contestano che la data del 30 luglio fissata per la prima udienza del processo mediaset sia troppo ravvicinata. In verità,  si prende atto nel pdl che stavolta non accadrà una prescrizione per scadenza dei termini processuali, cosa che sarebbe per l’ennesima volta avvenuta se la data fosse andata di qualche mese più avanti. Non sempre le ciambelle vengono col buco, stavolta neanche i Principi del Foro hanno potuto impedire che la Giustizia fosse uguale per tutti. Sono teatranti d’infimo ordine, perché sanno di mentire a se stessi oltre che a 60 milioni d’italiani ed ancora peggiori sono coloro che si ritengono migliori ma in realtà fanno il gioco di alcuni nani e di altri pessimi politicanti che di certo non saranno mai Statisti come non lo saranno i loro finti oppositori. E l’Italia, grazie anche ai processi del Cavaliere continua a retrocedere in ogni campo, perché il teatrino si deve occupare di questo signore e non dei problemi degli italiani. Giombattista Ballarò

0

0

0

0

0

Senso
Quella
Democrazia
Quale
Comuni
Mortali
Cercano
Reale
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Il senso di quella democrazia della quale i comuni mortali cercano la reale esistenza
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Anche chi si autodipinge come il nuovo della politica in realtà è una mietitrebbia
News Successiva
Il perdurare della crisi diviene sempre più strumento per porre in discussione diritti acquisiti