Blog: la Penna di...

Regione Siciliana, servono almeno altri 40 milioni entro l'estate

0

0

0

0

0

Regione Siciliana, servono almeno altri 40 milioni entro l'estate Regione Siciliana, servono almeno altri 40 milioni entro l'estate

Gli stipendi ai dipendenti delle Province a rischio. Quali sono le soluzioni? “Se entro la chiusura della sessione estiva dei lavori dell’Ars non si procederà ad una variazione consistente del bilancio della Regione appena approvato, già a luglio le province regionali non potranno pagare gli stipendi ai dipendenti”. L’allarme, chiaro e diretto, è stato lanciato da Presidenti e Commissari delle Province regionali nel corso dell’incontro  all’Ars con il Presidente dell’Assemblea Giovanni Ardizzone. 

 

A rimarcare la grave situazione già denunciata da Enna sono stati i presidenti della Provincia di Messina, Nanni Ricevuto e quello della provincia di Siracusa Nicola Bono ma l’allarme è stato confermato anche dai commissari straordinari delle province di Caltanissetta e Ragusa e dal presidente dell’unione province Giovanni Avanti. Se la coperta si tira da una parte, dall’altra si accorcia. La situazione dei dipendenti delle Province, anche quella di Ragusa, è realmente problematica. E qui, ci sono famiglie e persone che rischiano seriamente. Appare, dunque, inevitabile un assestamento di bilancio in attesa della riforma. Gli stanziamenti necessari, infatti, saranno tali anche dopo l’eventuale trasformazione in consorzi di comuni. 

 

“I Presidenti ed i commissari delle Province – ha detto il Presidente Giovanni Ardizzone – si sono impegnati a fornirci una più dettagliata relazione sulla situazione economico finanziaria delle strutture intermedie per permetterci di procedere, entro l’estate, alla necessaria variazione di bilancio”. In tutto questo frangente, quindici Associazioni  della Tabella H, i contributi a pioggia ad Associazioni, Fondazioni, Musei, chiedono una rivisitazione dei criteri con cui vengono elargiti i fondi. Ci si chiede se quei 25 milioni di euro non possano, come dice Nello Musumeci e Ioppolo della Destra, essere distribuiti per la Cultura, in parte, e, aggiungiamo noi per gli stipendi dei dipendenti delle Province, anche se ne necessitano 40 di milioni. Ci saranno altri capitoli, cui si potrà attingere. Quando in una famiglia la crisi economica incombe, si tagliano le spese , che risultano inutili in quel frangente. Toccherà ora al governo, che all’incontro coi Presidenti delle Province era rappresentato dall’assessore alle autonomie Locali Patrizia Valenti, trovare le risorse per evitare l’ennesimo tracollo in danno di dipendenti pubblici e funzioni amministrative.

0

0

0

0

0

Regione
Siciliana
Stipendi
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Regione Siciliana, servono almeno altri 40 milioni entro l'estate
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
L'Imu non è il male peggiore
News Successiva
Ricordando Falcone