Attualità

Nuovo ospedale di Ragusa, denuncia ai Carabinieri

E' stato l'On Dipasquale a presentarla

Il nuovo ospedale di Ragusa continua a rimanere chiuso, nonostante siano trascorsi ben otto mesi dalla sua presunta apertura. E adesso l'on. Nello Dipasquale, parlamentare regionale del PD ha presentato una denuncia ai Carabinieri.

Il ritardo sarebbe da imputare al collaudo degli impianti di climatizzazione e ad altri aspetti tecnici del tutto secondari. Ma come mai allora l'apertura dell'ospedale viene ritardata di mese in mese? Il timore espresso da Dipasquale è che ci siano ritardi da imputare a volontà terze. "Sono molti gli uffici amministrativi - spiega il parlamentare nella sua denuncia - oggi dislocati presso immobili privati, questo ha comportato e comporta per l'azienda sanitaria un costo di circa 500 mila euro l'anno in affitti. L'apertura del Giovanni Paolo II determinerebbe di fatto la risoluzione immediata di questi contratti in quanto gli uffici verrebbero trasferiti presso i locali dell'Ospedale Civile. Va da sé che queste risoluzioni comporteranno la perdita di un introito certo ed importante per qualcuno.

Se i miei timori fossero confermati non solo si sta arrecando un danno erariale alle casse pubbliche, ma a farne le spese è la stessa erogazione di un servizio fondamentale come quello quello sanitario a discapito del cittadino".