Attualità

Nessuna soluzione per Via Anfuso a Ragusa

Una pericolosa strettoia continua a rimanere immutata

Nulla è stato fatto a Ragusa per risolvere la pericolosità della strettoia di Via Senatore Anfuso. Nessuno si è assunto l’onere di individuare una soluzione.

La denuncia arriva da Mario Chiavola, presidente dell’associazione politico culturale Ragusa in Movimento facendo riferimento al caso di un’arteria stradale in cui insiste una pronunciata deviazione a causa della presenza di reperti archeologici nel campo limitrofo. “In realtà – sottolinea Chiavola che, assieme ad altri componenti dell’associazione, ha effettuato un nuovo sopralluogo in zona – dei reperti in questione nulla è possibile scorgere perché sono coperti completamente dalla vegetazione punteggiata, di quando in quando, da ingombri di rifiuti. Tutto è completamente fermo.

Quindi, una strada ad alta percorrenza veicolare fa i conti con un restringimento della carreggiata che, in determinati periodi dell’anno, a causa dell’insufficienza della pubblica illuminazione, in mancanza di adeguate segnalazioni luminose, costituisce un serio pericolo per gli automobilisti. Tempo addietro era stato detto che avrebbe dovuto essere la Soprintendenza a predisporre un progetto. Poi, si è detto che i lavori dovevano essere a carico del Comune. Insomma, una serie di palleggiamenti di responsabilità che, fino ad oggi, hanno avuto un solo risultato: nulla è stato fatto.