Politica

Trasporto ferroviario, chieste modifiche all'Ars

Tra i firmatari l'on. Dipasquale

Il Gruppo parlamentare del PD all'Ars ha presentato, all'assessore alla Mobilità Falcone, una "Proposta di modifica al contratto di servizio per il trasporto pubblico ferroviario di interesse regionale e locale".

Questa modifica permetterebbe di affrontare alcune delle questioni più spinose riguardanti le province di Catania, Siracusa, Ragusa, Agrigento e Caltanissetta. L'on. Nello Dipasquale, parlamentare regionale del Partito Democratico e segretario alla presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana, insieme all'on. Luisa Lantieri e Anthony Barbagallo ha firmato la proposta. Tra le richieste ci sono: la modifica dell'orario della tratta Gela-Comiso, utilizzata specialmente dagli studenti, che oggi sono costretti a chiedere quotidianamente dei permessi per uscire prima e in favore dei lavoratori pendolari di Licata che lavorano a Ragusa o per quei pendolari che utilizzano la tratta Modica-Siracusa.

"Abbiamo lavorato per rendere più fruibile e appetibile l'offerta ferroviaria già esistente, anche in chiave turistica, dichiara l'on. Dipasquale, come ad esempio estendendo al sabato la periodicità di alcuni treni così da agevolare i trasporti per studenti, operatori scolastici e turisti. Abbiamo chiesto di inserire delle nuove fermate per il Castello di Donnafugata e previsto nuove fermate". Tra Siracusa e Caltanissetta non esistono biglietterie ecco perché bisogna rimettere in funzione la biglietteria della stazione ferroviaria di Ragusa. Ma non solo, per migliorare i collegamenti con Palermo si chiede di ripristinare una coppia di treni sulla tratta Modica-Caltanissetta in coincidenza con le tratte Catania-Palermo e Palermo-Catania".

E' stato chiesto un collegamento con Bus navetta dalla Stazione di Vittoria all'aeroporto di Comiso e di avviare uno studio di fattibilità per dar vita ad un collegamento ferroviario tra Caltagirone e l’aeroporto di Comiso. Chiesto all'assessore Falcone di prevedere almeno 10 'Treni storici'.