Cinema

Come un gatto in tangenziale

A Pozzallo, al cinema Diana siamo in sei a vederci l’ultimo film di Paola Cortellesi e Antonio Abanese "Come un gatto in tangenziale" ed è un vero peccato non godere di queste nuove tecnologie visive.

Un film che pone lo spettatore di fronte alla riflessione sulla condizione attuale dei tanti aspetti sociali del nostro periodo storico: Le istituzioni europee, le periferie delle grandi città- Roma – , i conflitti umani, sociali, culturali fra due tipologie (antitetiche )di condizioni familiari. Temi attuali, analisi , riflessioni, strategie, soluzioni pensate ma che si rivelano troppo teoriche e poco realistiche di fronte ai processi reali nella loro manifestazione. Ci viene riproposta l’infinita irrisolta questione dell’integrazione, del movimento di masse umane che dal Sud del mondo cercano benessere nelle capitali europee e che si insediano nelle periferie delle grandi città con le loro tradizioni, usi e costumi.

La contaminazione, - magari utilizzata spesso nei rapporti dell’Unione Europea- , parola magica utilizzata per le analisi migratorie che rivelano gli aspetti della crescita, dei numeri della società, ma che non rivela il reale impatto sulle vite dei cittadini, in particolar dei cittadini che vivono ai margini della società, nei quartieri periferici, nei quasi ghetto, con condizioni devastanti di situazioni familiari. Quello che viene evidenziato , e che non lascia speranze, sono le differenze culturali fra i nostri protagonisti , l’aspetto economico sembra marginale.

Le distanze fra le due tipologie di individui sembra abissale e non consente soluzioni. Una riflessione sulla nostra società decadente , una società sempre più contaminata ma che non può o non riesce ad integrarsi – se non forse fra qualche generazione- una società dove l’intolleranza e l’uso della violenza diventa abituale, un grido di aiuto alle istituzioni europee troppo tesi a leggere schede e documenti sui processi e a non confrontarsi sui problemi reali, ed infine un piccolo – ma proprio piccolo- spiraglio di un amore fra i due protagonisti della nostra storia. L’ amore dei due giovani, ma anche quello maturo, è destinato a durare quando un gatto in tangenziale. Pietro Storniolo