Pasqua 2018

Gli auguri pasquali del sindaco di Modica

Anche a chi lo critica

Un messaggio di auguri per ricordare gli appuntamenti che caratterizzeranno queste giornate di festa ma anche il lavoro fatto per rendere il territorio più vivibile e le decisioni prese perché tutti potessero godere di queste giornate in famiglia.

Questi in sintesi i temi toccati dal Sindaco di Modica Ignazio Abbate che ha diffuso un comunicato dedicato agli auguri. "Voglio augurare a tutti i modicani di trascorrere con i propri cari una serena Pasqua. E’ il momento di ritrovarsi tutti insieme, di festeggiare la Resurrezione, di vivere la nostra Città in maniera più intensa rispetto al solito. Domenica a mezzogiorno, quando gli sguardi ed i pensieri dei modicani in tutto il Mondo saranno rivolti in Piazza Monumento per il tradizionale rito della Madonna Vasa Vasa, si toccherà il culmine dei festeggiamenti.

Quest’anno, per la terza volta consecutiva, riproporremo la versione serale della nostra festa più sentita e conosciuta". Dopo l'appuntamento tradizionale di mezzogiorno, la sera alle 20:00 nuova uscita dei due simulacri che percorreranno le vie del centro storico fino ad arrivare sul sagrato di S.Giorgio da dove si potrà ammirare lo spettacolo pirotecnico. In contemporanea in Piazza Matteotti andrà in scena “Note da musical”, un medley dei più famosi brani da musical a cura dell’Accademia “Gli Armonici”.

Per Pasquetta è stata effettuata una manutenzione straordinaria di Marina di Modica e Maganuco, e si è fatto un intervento anche su Cava Ispica che si presenta pronta ad accogliere chiunque intendesse effettuare un’escursione tra storia e natura. A proposito del Lunedi dell’Angelo, Abbate dichiara: "Negli ultimi giorni sono stato attaccato pesantemente, sono stato definito tiranno, sceriffo, despota e chi più ne ha più ne metta a causa dell’ordinanza di chiusura dei negozi ricadenti sull’asse della SS115.

In cinque anni ne ho sentite e lette di tutti i colori su di me che ormai non ci faccio più caso. Però non è giusto mettere in mezzo centinaia di lavoratori ai quali, fino alla scorsa settimana, era stato detto di presentarsi lunedi mattina puntuali sul posto di lavoro sacrificando famiglie e quant’altro in nome di un profitto assolutamente effimero e non certo sicuro. Abbiamo voluto lanciare un segnale chiaro e forte che è stato ripreso da tanti. Tra questi anche dalla segreterie regionali della Triplice Sindacale attraverso la proclamazione dello sciopero dei lavoratori programmato per il 2 aprile, il 25 aprile, il primo maggio ed il 2 giugno. A loro, e anche a chi non perde occasione per attaccarmi, i miei migliori auguri per una Pasqua 2018 da ricordare".