Benessere

Vasi sanguigni: scoperto elisir contro invecchiamento

Potrebbe servire a contrastare anche l'osteoporosi

Pubblicato sulla rivista Cell, il risultato di uno studio condotto dal Massachusetts Institute of Technology avrebbe scoperto un elisir anti-età che ringiovanisce i vasi sanguigni fino all'80%.

Si tratta di un composto basato su una molecola che ripristina la capacità di vene e arterie di trasportare ossigeno ai muscoli. Agisce riattivando una famiglia di proteine collegate alla longevità e se in futuro gli effetti dovessero essere confermati nell'uomo sarebbe possibile contrastare molte malattie legate all'età, prima fra tutte l'osteoporosi. Invecchiando, infatti la resistenza dei vasi sanguigni si riduce e questi diventano meno efficaci nel fornire ossigeno e sostanze nutritive ai tessuti muscolari. Inoltre, poichè "c'è interazione tra muscoli e ossa, perdere massa muscolare può portare alla fragilità ossea".

Per contrastare questi effetti i ricercatori hanno voluto esplorare il ruolo esercitato sulle pareti interne dei vasi sanguigni dalle sirtuine, una classe di proteine presenti in quasi tutti gli animali, già note per gli effetti anti-invecchiamento nel lievito, scoperti proprio da Guarente negli anni '90. Nell'esperimento i ricercatori hanno eliminato nei topi il gene Sirt1, responsabile della produzione di queste proteine nelle cellule dei vasi sanguigni. A 6 mesi i topi privati del gene avevano capillari fragili e riuscivano a correre per la metà del tempo rispetto ai topi sani.

I ricercatori hanno quindi trattato con le sirtuine i topi anziani, e dopo due mesi il gene Sirt1 è stato riattivato e i vasi sanguigni dei topi anziani sono ringiovaniti dell'80%.