Consumatori

Compagnia aerea condannata a risarcire volo in ritardo

Il passeggero si era rivolto all'associazione dei consumatori

Il Giudice di Pace di Catania ha condannato la compagni aerea Vueling a risarcire i danni causati ad un passeggero catanese a causa di un ritardo di oltre tre ore.

La vittima del disagio doveva recarsi a Firenze per partecipare ad un evento sportivo, ma il suo aereo aveva subito ritardi di diverse ore e durante le numerose ore di attesa, la compagnia aerea gli prestava alcuna assistenza né interveniva a fornire spiegazioni contravvenendo così ai doveri previsti e sanciti dall’art 9 del Regolamento (CE) n. 261/2004 del Parlamento Europeo. Il passeggero, una volta rientrato a Catania, ha inviato un reclamo presso l’apposito “Centro Attenzione al cliente” di Vueling Airlines S.A in cui evidenziava i disagi subiti a causa del grave ritardo nella partenza del volo, rispetto a quello di prenotazione, ma non ha ricevuto alcuna risposta dal Vettore e così ha deciso di rivolgersi allo “Sportello del Viaggiatore” dell’Associazione dei Consumatori CODICI per rivolgersi all’Autorità Giudiziaria al fine di vedere tutelati i propri diritti.

Il passeggero assistito dagli avvocati Manfredi Zammataro e Mario Emanuele Campione ha citato a giudizio Vueling dinnanzi al Giudice di Pace di Catania e questi ha dichiarato Vueling responsabile dell’evento occorso al passeggero, condannandola al pagamento della compensazione pecuniaria ex lege, prevista in caso di cancellazione di un volo o di arrivo a destinazione con oltre tre ore di ritardo (compensazione che varia da 250 e 600 euro in base alla lunghezza della tratta aerea), oltre alle spese di lite.