Benessere

Tè, bevande, limone e sottaceti nocivi per i denti

Aumenta rischio erosione

Bere spesso bevande zuccherate, tè aromatizzati alla frutta, concentrati di frutta o liquori può essere una minaccia per i denti. Lo rivela uno studio pubblicato sul British Dental Journal.

Secondo i ricercatori che hanno condotto una ricerca coinvolgendo oltre 300 persone può aumentare il rischio di erosione dentale, ovvero la perdita della sostanza dura dei denti, e può rovinare lo smalto. La ricerca è stata svolta presso il prestigioso King's College di Londra e condotta da Saoirse O'Toole. L'abitudine peggiore è consumare queste bevande lentamente, assaporandole, trattenendole in bocca e consumarle lontano dai pasti, perché durante la masticazione si produce saliva che può contrastarne l'acidità di queste bevande e quindi gli effetti nocivi per i denti.

L'erosione dentale è la perdita progressive della sostanza dura dei denti a causa di processi chimici che non coinvolgono l'azione di batteri. L'acidità di cibo e bevande è il fattore critico, (mentre lo è meno lo zucchero in essi contenuto che è però implicato, insieme ai batteri, nel processo di formazione di carie, diverso dall'erosione). La dieta, gli stili di vita e l'ambiente e in alcuni casi anche i farmaci possono contribuire all'erosione. Gli esperti hanno studiato alimentazione e stili di vita di oltre 300 pazienti con grave erosione dei denti e visto che il problema aumentava all'aumentare del consumo di bevande acidule - specie se consumate fuori pasto - e con l'abitudine di trattenerle in bocca per assaporarle.

Altro fattore di rischio è emerso essere il consumo di sottaceti o snack, specie se sbocconcellati, masticati lentamente. Si può arrivare a un aumento di oltre 11 volte il rischio di erosione dei denti bevendo acqua con una fettina di limone o tè caldo alla frutta due volte al giorno lontano dai pasti. Ci sono tante azioni per contrastare l'erosione dei denti, spiega Russ Ladwa, che presiede la British Dental Association: consumare in minore quantità bevande acidule, specie se lontano dai pasti. Evitare di sorseggiarle calde, ma farle raffreddare e berle tutte in un colpo. Usare la cannuccia per bere perché così facendo si riduce di molto il contatto del liquido con i denti.

Limitare il consumo di queste bevande al pasto, perché la masticazione del cibo favorisce la formazione di saliva che contrasta la loro acidità. Alcuni cibi come i formaggi sono particolarmente indicati per questa azione di contrasto. Prediligere bevande come acqua semplice, tè non aromatizzato, latte e caffè. Infine, usare dentifrici al fluoro e colluttori può ridurre il rischio di erosione.Con il termine di erosione acida o erosione dentale si definisce un processo di perdita progressiva per dissoluzione chimica dei tessuti duri del dente (smalto e dentina), che si origina come conseguenza dell'azione di sostanze acide di origine endogena o esogena, escludendo l'azione batterica.

Tra le cause endogene più frequenti, vi sono il reflusso gastroesofageo ed alcuni disturbi del comportamento alimentare, tra quelle esogene l'uso eccessivo di alimenti ad elevata acidità, come soft drink, agrumi, limoni e loro succhi, vini, o l'esposizione professionale o voluttuaria ad ambienti ad elevato tasso di acidità, sotto forma di vapori o polveri. I segni tipici sono la perdita progressiva di sostanza dalla superficie dei denti, solitamente orientata verso la zona da cui proviene l'apporto di sostanza acida. Il processo è normalmente lento, e la sintomatologia tipica è la crescente sensibilità agli stimoli termici, comunque di grado variabile.