Tv

Nadia Toffa torna a Le Iene: ho avuto un cancro

Non trattatemi da persona malata

Una confessione emozionante. “Ho avuto un cancro” sono queste le parole che Nadia Toffa ha pronunciato ieri sera durante la trasmissione Le Iene.

La giornalista, colpita da un malore lo scorso mese di dicembre, è tornata alla conduzione del famoso programma televisivo dopo due mesi. "Non lo sapeva nessuno. Ho pensato tanto a questo momento... Fra di noi c'è sempre stata sincerità e quindi voglio condividere con voi quanto successo. Mi sono appuntata alcune cose, a mano, come si faceva a scuola. Sono molto emozionata, non è facile". La giornalista ha raccontato dell'intervento, andato a buon fine, a cui è stata sottoposta e le cure per poter tornare, in piena forma, alle sue inchieste e ai suoi servizi. "Ora è tutto finito. Il 6 febbraio ho finito la chemioterapia e la radioterapia".

Accanto a lei, in studio, i due conduttori Nicola Savino e Matteo Viviani hanno ricostruito insieme a lei i momenti più delicati: dal malore che l'ha colpita a Trieste al check-up successivo che ha permesso di individuare il tumore: "La fortuna è stata proprio che dopo lo svenimento ho fatto un accertamento". studio, Toffa si è presentata con una parrucca. "Non mi vergogno a dire che questi non sono i miei capelli. Non vi nascondo che ci sono stati momenti difficili. Quando vedi le prime ciocche che ti rimangono in mano è un momento molto forte". Momenti difficili che la giornalista ha superato anche grazie alle persone che ha incontrato, e aiutato, durante gli ultimi anni.

Come Gabriella, la bambina di Taranto che si era ammalata e aveva perso, come la Toffa, i capelli: "Gabriella, ti ringrazio, perché ti ho pensato: se ce la fa uno scricciolo come te, allora ce la posso fare anch'io!". La giornalista ha chiuso il suo momento “confessionale” con due messaggi. Il primo è un augurio di normalità: "A voi che mi incontrate per strada: trattatemi come sempre, anche criticandomi se lo ritenete. Non trattateci da malati, noi malati di cancro siamo dei guerrieri, dei fighi pazzeschi!". Il secondo, ancora più importante, contro i millantatori di miracoli e guarigioni prodigiose: "Le uniche cure contro il cancro sono la chemio e la radio. Poi ci sono altre cose che contano: il buonumore, lo stile di vita... Ma non c'è altro che possa curarti che non siano la chemio e la radio". Bentornata Nadia.