Segnalazione

Ragusa, caso ufficio idrico

La denuncia della consigliera Nicita

Non solo gli errori di calcolo nelle bollette idriche, man anche il caos nel competente ufficio comunale. E’ questa in parole povere quanto denuncia la consigliera del gruppo misto Manuela Nicita che così descrive “è caos all’ufficio idrico comunale.

In vista delle scadenze previste per il 31 gennaio, gli uffici dell’ente territoriale sono stati presi d’assalto. Le attese risultano essere interminabili e agli utenti non è stato fornito neppure il numerino per regolamentare la fila. Ma l’aspetto più grave ha a che vedere con i numerosi errori fatti registrare in bolletta. E per questo motivo in molti si sono precipitati all’ufficio in questione”. Sembrerebbe infatti, secondo al consigliera di opposizione, che “ad un calcolo approssimativo, mediamente le bollette risultano triplicate. Un importo insostenibile, insomma, per numerose famiglie ragusane che non riescono ad arrivare neppure alla fine del mese. Si è avverato quello che, con una certa facilità, profetizzammo circa un paio d’anni fa.

Solo che a quel tempo nessuno aveva voluto prendermi in considerazione sostenendo, anzi, che si trattava delle solite lamentele della consigliera Nicita. Oggi, purtroppo per i cittadini ragusani, quelle lamentele hanno trovato puntuale riscontro visto e considerato che l’amministrazione grillina continua a predisporre balzelli su balzelli come se nulla fosse. E, naturalmente, questa scadenza risulta essere parecchio pesante da gestire per chi già ha dovuto sostenere altri pagamenti nelle scorse settimane. Un carico tributario quello a cui i grillini hanno dato vita che risulta insostenibile e insopportabile. Chiediamo all’amministrazione comunale intanto di provvedere a gestire meglio la situazione in seno all’ufficio idrico, per dare risposte agli utenti, e poi di pianificare la correzione degli errori che, a quanto pare, risultano essere parecchio diffusi”. (da.di.)