Calcio

Il Modica vince in campo contro il Motta

Tris di reti

Un Modica concentrato e ben disposto in campo supera a pieni voti l'insidiosa trasferta sul campo del Motta e con un tris di reti nella prima mezz'ora di gioco conquista con merito il successo che vale la “vista” in zona play off.

Seppur priva di Occhipinti, Antonio Adamo, Galfo, Noukri e il lungodegente Iurato la squadra di Franco Rappocciolo non ha avuto problemi a raccogliere tre punti contro una formazione che aveva necessità di fare punti per lottare per la salvezza. Cassibba e compagni sono scesi in campo concentrati al punto giusto e al primo affondo sono riusciti a sbloccare il punteggio che ha messo subito in discesa la partita. Sono passati, infatti, appena 47” dal fischio d'inizio che i “Tigrotti” fanno sentire il loro “ruggito” e passano in vantaggio.

Stefano Sammito avanza sulla destra e crossa sul secondo palo, dove Livia con un colpo di testa a incrociare imprime alla sfera una traiettoria a “palombella” che beffa Sciuto e vale il vantaggio dei rossoblù ospiti. Il Motta accusa il colpo e il Modica è cinico e abile ad approfittarne. Al 6',infatti, arriva il raddoppio. Livia di testa fa da torre per Adamo che entra in area anticipando il portiere con un colpo di testa con palla che nonostante il disperato tentativo di Moring finisce nel sacco. Il Motta prova a scuotersi e al 11' si rende pericoloso in area modicana con un tiro da buona posizione di Ancione che non inquadra la porta con palla che esce alta sulla traversa.

Al 24' Moring s'invola sulla destra e crossa basso al centro, la sfera attraversa tutta l'area di rigore modicana e arriva sui piedi di Ancione che batte a rete a colpo sicuro, ma il suo tiro e respinto con il corpo da Blandino. Al 31' arriva il terzo gol che mette in cassaforte il successo per il Modica. Lo realizza Buscema che trasforma un calcio di punizione indiretto dai venti metri con palla che s'insacca sotto la traversa. Al 39' Modica ancora in gol. Livia sul filo del fuorigioco con un colpo di testa supera il portiere in uscita, la sfera sbatte sul palo e torna in campo Livia ci arriva per primo e insacca, ma l'arbitro annulla per un presunto fallo dello stesso attaccante modicano su un difensore.

Si va così al riposo con il Modica ampiamente in vantaggio. Nella ripresa il Motta prova ad alzare il ritmo nel tentativo di riaprire il confronto, ma il Modica si difende con ordine e non corre pericoli, nemmeno quando al 10' il secondo assistente richiama l'attenzione del direttore di gara e fa espellere Livia per una presunta gomitata nei confronti di Zumbo. L'unico pericolo per la porta di Falco arriva al 2' con un calcio di punizione di Moring che si spegne di poco alta sulla traversa. Nonostante l'inferiorità numerica il Modica in contropiede ha la possibilità di segnare ancora una volta con Incardona al 24' e con Stefano Sammito al 34' e al 42' ma in tutte e tre le circostanze i tiri sono finiti a lato non di molto al 45' anche il Motta resta in dieci per l'espulsione diretta di Moring che ha detto qualcosa di poco gentile al primo assistente che ha richiamato l'attenzione dell'arbitro e dopo averlo consultato gli ha sventolato il cartellino rosso sotto il naso.

Dopo 4' di recupero il fischio finale del direttore di gara con il Modica che conquista tre punti pesanti e arriva con il morale alto al doppio turno casalingo con Erg e Misterbianco. A fine gara Franco Rappocciolo non può che complimentarsi con i suoi atleti. “Sono contento della prestazione di tutti. Ho avuto la conferma che la squadra continua a crescere e se continua a credere nei propri mezzi può ancora fare qualcosa di importante. Oggi – continua – devo elogiare tutti, chi è sceso in campo dal 1' a chi è entrato a partita in corso. Benissimo anche gli under che non hanno fatto pesare la loro giovane età. Mi dispiace per l'espulsione di Livia che fino a quando è stato in campo insieme ad Adamo hanno lavorato sia di reparto, sia per la squadra. È questo il Modica che voglio vedere e se riusciamo a dare continuità alle prestazioni e con un pizzico di fortuna in più possiamo ancora prenderci belle soddisfazioni”. (foto di repertorio)